Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Si finge il titolare di una società per vendere le quote e scappare con i soldi: condannato

Avrebbe ingannato il notaio con falsi documenti d'identità e procure a vendere. Condanna definitiva per un truffatore perugino

Si finge un’altra persona per vendere delle quote di una società e incassare i soldi, ma viene scoperto e condannato.

Un perugino di 48 anni, è stato condannato a tre anni per “l’esibizione di falsi documenti al notaio che ha redatto un atto pubblico di cessione di quote societarie, riportando false generalità del cessionario”.

L’uomo avrebbe “esibito, nel contesto della stipula di un atto pubblico, falsi documenti di identità che inducevano il notaio, tenuto a verificare l'identità delle parti nei modi previsti dalla legge notarile, ad una falsa attribuzione delle dichiarazioni negoziali ricevute”.

Sostituendosi alla persona autorizzata a vendere le quote societarie, ne avrebbe intascato il ricavato. Scoperto il raggiro e individuato, era arrivata la condanna in primo grado e in appello.

La Cassazione ha respinto il ricorso dichiarandolo inammissibile e condannando il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di 3mila euroin favore della Cassa delle ammende.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si finge il titolare di una società per vendere le quote e scappare con i soldi: condannato
PerugiaToday è in caricamento