Incassano 65mila euro di fondi regionali per un programma di pubblicità, ma è tutto fasullo

Due imprenditori sotto processo per truffa. La Regione Umbria parte civile

Due imprenditori sotto processo per truffa ai danni della Regione con i fondi europei per l’innovazione tecnologica.

Secondo l’accusa i due avrebbero percepito i contributi per la realizzazione di un progetto innovativo teso alla creazione di un sistema di mailing e marketing automatizzato.

Il bando pubblico stabiliva un programma di investimenti non inferiore a 100mila euro per poter accedere al contributo, consistente in un rimborso di circa il 60% della spesa rendicontata; la società, per poter ottenere il finanziamento pubblico e raggiungere la spesa minima prevista, ha acquistato beni costituiti da software per 20mila euro, computer e altri macchinari per 101mila euro e consulenze per 47mila euro. Tutte fatture fasulle, cioè per cifre mai spese. Il rimborso da 65mila euro, invece, era reale. Alcuni beni acquistati con i fondi pubblici, inoltre, non erano nuovi, come imponeva il bando, ma erano già presenti in azienda e come tali non finanziabili.

Da qui la denuncia e il processo. Gli imputati sono difesi dall’avvocato Monja Ciliegi. La Regione si è costituita parte civile tramite l’avvocato Annarita Gobbo per tentare di recuperare la somma pagata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento