Cronaca

Vende un cellulare con il vincolo e l'azienda lo blocca: denunciata dall'acquirente per truffa

Il telefono è stato reso inutilizzabile dopo il mancato pagamento delle rate, ma era già stato venduto nascondendo gli obblighi contrattuali

Un telefono nuovo, da quasi 800 euro, in vendita ad appena 500 euro, con tanto di certificazione. Un’occasione unica, ma che si è rivelata una truffa.

A mettere in vendita il cellulare una signora, difesa dall’avvocato Fernanda Cherubini. L’annuncio pubblicato in un sito di compravendita online era corredato da foto dell’oggetto e del certificato di acquisto. Senza, però, la parte più importante della documentazione, cioè quella che attestava l’acquisto vincolato ad un’offerta promozionale di un gestore telefonico. Se non pagava le rate la società aveva diritto di richiedere l’intero ammontare del cellulare (a prezzo di mercato) e di provvedere al blocco del telefono, inibendone il funzionamento.

L’acquirente, costituitosi parte civile tramite l’avvocato Camillo Carini, aveva comperato il cellulare, utilizzandolo per alcuni mesi, fino a quando, cioè, non era scattato il blocco. Aveva chiamato il gestore e gli era stato detto che il cellulare corrispondente all’Imei (il numero identificativo dell’oggetto) era stato bloccato per inadempienza contrattuale. Così scattava la denuncia per truffa in quanto il venditore avrebbe nascosto proprio quella parte di contratto. La venditrice, infatti, aveva eliminato la pagina del contratto con le clausole di salvaguardia e aveva detto solo che non le piaceva quel telefono e voleva cambiarlo.

L’imputata è stata rintracciata tramite l’account del sito di vendite online e citata a giudizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vende un cellulare con il vincolo e l'azienda lo blocca: denunciata dall'acquirente per truffa

PerugiaToday è in caricamento