menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altro colpo dell’ufficio delle Dogane di Perugia ai “furbetti” delle frodi; recuperati 4milioni di euro

L’attività criminale, svolta tra il 2010 ed il 2015, si estendeva tra Assisi, Bastia, Napoli e Modena

Altro colpo dell’ufficio delle Dogane di Perugia ai “furbetti” delle frodi carosello. L’indagine parte da una denuncia per truffa da parte di un operatore economico comunitario i cui approfondimenti venivano delegati dalla Procura della Repubblica all’Ufficio delle Dogane di Perugia e alla Guardia di Finanza di Assisi. La scoperta della frode è avvenuta a seguito dei controlli di polizia giudiziaria delegati dalla Procura della Repubblica di Perugia al locale Ufficio delle Dogane e alla Guardia di Finanza di Assisi in merito ad una denuncia per truffa da parte di un operatore economico comunitario.

I funzionari della Dogana di Perugia hanno così scoperto che i soggetti indagati, oltre a frodare i propri fornitori, avevano frodato anche il fisco sottraendo ad ogni controllo operazioni per circa quattro milioni di euro. La conferma arrivava grazie all’attivazione di una cooperazione con i Paesi UE coinvolti. 

Il meccanismo prevedeva la creazione di società satellite prive di strutture aziendali e, di fatto, inesistenti (le cosiddette “cartiere”). Tramite tali società venivano commercializzati beni alimentari provenienti dalla Comunità e l’Iva incassata non veniva riversata all’Erario. L’attività criminale, svolta tra il 2010 ed il 2015, si estendeva tra Assisi, Bastia, Napoli e Modena. Vittime della frode a carattere transnazionale erano una ditta portoghese, una olandese ed una polacca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento