rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Mega truffa dei conti correnti con documenti falsi, raggirate decine di banche in Umbria

L'inchiesta dei Carabinieri di Modena ha svelato un complesso raggiro in tutta Italia. I conti servivano a ripulire denaro di dubbia provenienza

L’inchiesta parte da Modena, ma riguarda anche Perugia e il mondo delle banche e una presunta truffa attraverso la falsificazione di documenti per l’apertura di conti correnti.

L'inchiesta è scaturita dalla segnalazione di una filiale modenese del Monte dei Paschi di Siena, dopo che un uomo aveva richiesto l'apertura di un conto corrente a nome di un conoscente, mostrando tutta la documentazione necessaria (carta di identità elettronica, una patente, tessera sanitaria, un contratto di lavoro e due buste paga), ma senza interessarsi veramente sui costi di attivazione e sui servizi offerti. Un comportamento che aveva insospettito i funzionari dell’istituto di credito. Dai controlli dei carabinieri è emerso che tutta la documentazione era falsa, da qui l’arresto per la falsificazione di un documento valido per l'espatrio e la denuncia per tentata truffa. Stesse accuse sono state mosse al complice che era con l’uomo.

I carabinieri hanno appurato che i due truffatori, originari della provincia di Napoli, utilizzando la stessa tecnica avrebbero messo a segno diverse truffe a Perugia, Torino, Firenze e Brescia, aprendo più conti in diversi istituti bancari (da 5 a 10), utilizzando documenti falsi, email e cellulari riferibili a persone fisiche reali, ma all’oscuro del raggiro. I conti erano poi utilizzati per far transitare flussi di denaro come finanziamenti, mutui, assegni, tutto incassato o sottoscritto attraverso false identità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mega truffa dei conti correnti con documenti falsi, raggirate decine di banche in Umbria

PerugiaToday è in caricamento