rotate-mobile
Cronaca

Tribunali blindati a Perugia, arriva l'esercito: militari anche in Procura

Priorità sicurezza negli uffici Giudiziari. Dal 5 ottobre esercito in arrivo a Perugia e alla Procura di Spoleto

Sicurezza negli Uffici Giudiziari di Perugia. Dopo il grave e noto episodio di due giudici accoltellati al tribunale civile di Perugia, l'arrivo delle guardie giurate a presidio, ora sarà operativo anche l'esercito.

 L’impiego dell’esercito nella vigilanza fissa degli Uffici Giudiziari rientra nel quadro di uno sforzo corale di tutte le diverse componenti istituzionali interessate, finalizzato a garantire sempre più elevati livelli di sicurezza ad obiettivi particolarmente delicati, rafforzando, al contempo, le attività inerenti il controllo del territorio.

Dal  5 ottobre, un’aliquota di militari  appartenenti al contingente dell’operazione “Strade Sicure” già presenti in provincia, verrà impiegata in servizi di vigilanza fissa nei tribunali Civile e Penale e la Procura della Repubblica di Perugia, nonché presso la Procura della Repubblica di Spoleto.

La scelta, effettuata all’esito delle sedute del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si sono svolte il 26 e il 27 settembre, è stata condivisa con il Ministero dell’Interno e consentirà di recuperare preziose risorse delle Forze di Polizia da impiegare nel controllo del territorio. Il presidio dell’Esercito, previsto dal lunedì al venerdì, avrà luogo, presso i soli Tribunali Civile e Penale, anche il sabato.

Dal 2 ottobre, inoltre, come comunicato dal Procuratore Generale presso la locale Corte d’Appello, ha preso avvio, nelle sedi giudiziarie, un servizio di vigilanza armata  da parte di guardie  giurate di un istituto incaricato.

I servizi assicurati dall’Esercito, si aggiungono ai dispositivi di controllo e vigilanza in atto, che, per la circostanza, sono stati opportunamente rimodulati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tribunali blindati a Perugia, arriva l'esercito: militari anche in Procura

PerugiaToday è in caricamento