Cronaca

Coronavirus, cambia tutto in Tribunale: atti processuali, liste testi, nomine e pagamenti, si fa tutto online

Provvedimento del presidente del Tribunale di Perugia: le nuove regole per accedere agli uffici penali e civili

L’emergenza sanitaria e le misure di contenimento del Coronavirus colpiscono anche il settore della giustizia e cambiano le norme per l’accesso alle cancellerie civili e penali del Tribunale di Perugia. Senza dimenticare che gli avvocati chiedono da giorni controlli e misure per lo svolgimento delle udienze.

“Il mutato e grave quadro epidemiologico in atto, impone di ritornate a misure organizzative che cerchino di coniugare la continuità dell’azione amministrativa, ma anche la tutela della salute dei lavoratori e degli utenti” si legge nelle nuove disposizioni emanate dal presidente del Tribunale di Perugia. “Rilevato che la prevenzione della diffusione del contagio da Covid19 rende indispensabile la massima contrazione possibile dei contatti non necessari tra individui e, quindi la riduzione degli utenti” si è deciso di rimodulare i “servizi attraverso l’uso avanzato degli strumenti telematici”, si legge ancora nella nota.

Per questo si dispone che le cancellerie del Tribunale di Perugia saranno aperte al pubblico dal “lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12,30; l’accesso degli utenti sarà consentito solo previo appuntamento, via mail o tramite comunicazione telefonica”, salvo in caso di “comprovate ragioni di urgenza che saranno rappresentate allo sportello e verranno gestite compatibilmente con gli appuntamenti già concordati”. Per richiedere informazioni e fare richieste di copie atti e pagamenti si invitano gli avvocati a contattare gli uffici via mail o ai recapiti telefonici.

Tutti coloro che dovranno fare accesso negli uffici, su prenotazione, potranno farlo solo presentandosi “non prima di 10 minuti antecedenti l’orario dell’appuntamento e, operato l’adempimento previsto dall’appuntamento, usciranno senza ritardo dall’edificio”.

Nel settore civile, “considerando la necessità di limitare nel modo più ampio possibile l’accesso alle cancellerie, a depositare tutti gli atti esclusivamente utilizzando il sistema telematico tramite piattaforma Pct e, ove possibile, a digitalizzare gli atti che, già depositari in forma analogica, devono essere visibili telematicamente al giudice e alle eventuali altre patti”, mentre “gli atti indicati (che telematicamente non potranno sostituire direttamente analogici già registrati dal sistema) saranno depositati come allegati a una nota di deposito documentale”.

Quanto al “pagamento del contributo unificato e dell’anticipazione forfettaria” va fatto sono “con sistemi telematici di pagamento” e la “ricevuta telematica di pagamento andrà inoltrata unitamente all’atto introduttivo (ovvero al diverso atto che ne comporta l’obbligo di versamento) del giudizio cui di riferisce”.

Per il settore penale, il presidente del Tribunale ha autorizzato “gli avvocati al deposito tramite Pec di tutte le istanze di modifica di misure cautelari, richieste riesame e appelli”, ma anche “nomine di fiducia, rinuncia al mandato”, liste testi e memorie. Trasmissioni che potranno essere “effettuate esclusivamente entro l’orario di accettazione in formato analogico e, quindi, entro le ore 13. Le istanze eventualmente pervenute oltre l’orario indicato saranno considerate come pervenute nel giorno successivo”.

Il provvedimento del presidente del Tribunale di Perugia ha “efficacia immediata con riferimento alle facoltà di inoltro delle richieste nel settore penale tramite pec e, per la parte restante, dal prossimo 2 novembre 2020”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, cambia tutto in Tribunale: atti processuali, liste testi, nomine e pagamenti, si fa tutto online

PerugiaToday è in caricamento