Droga killer comprata a Perugia, due amici uccisi da un'overdose: spacciatore arrestato

La tragedia il 4 aprile. Due amici di 42 e 48 anni trovati senza vita all'interno delle loro abitazioni a Trevi. Arrestato lo spacciatore che ha venduto alle vittime la dose fatale

E' agli arresti domiciliari M.N., 40 anni, accusato di aver venduto le dosi di eroina che hanno provocato la morte di due uomini di 42 e 48 anni, trovati senza vita all'interno delle loro rispettive abitazioni lo scorso  4 aprile a Trevi. L'indagato è stato raggiunto dalla misura cautelare degli arresti domiciliari firmata dal gip Piercarlo Frabotta. Nell'ordinanza è stato ricostruito come il 40enne, già condannato per spaccio di droga, avrebbe ceduto a Perugia, in zona Cortonese, la dose che poi ha stroncato la vita ai due uomini. 

E' stato un amico di una delle vittime ad accompagnarne uno  a Perugia a bordo della propria auto per acquistare due dosi di eroina (di cui una destinata all'altra vittima) e una dose di cocaina. Grazie ad alcune dichiarazioni, riconoscimenti fotografici e altre attività di indagine della p.g. volte ad identificare il presunto responsabile della morte dei due 40enni, si è riusciti ad arrivare all'odierno indagato, che secondo le indagini avrebbe venduto le due dosi di eroina fatali in via Cortonese a Perugia, la mattina del 3 aprile. Ora l'indagato - difeso dall'avvocato Cristian Giorni - nelle prossime verrà ascoltato in sede di interrogatorio di garanzia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento