Schiave del sesso dalla Nigeria a Perugia, uno degli indagati torna in libertà

I giudici hanno rigettato istanza di riesame per quattro degli indagati, mentre un quinto nigeriano torna libero

Istanza di Riesame rigettata per quattro nigeriani  finiti in manette nell’ambito dell’indagine sulla tratta dei migranti portata avanti dalla squadra Mobile e coordinata dalla Dda di Perugia. Accolta invece richiesta di scarcerazione per un quinto nigeriano, finito agli arresti insieme al clan nelle scorse settimane e per il quale i giudici Narducci, Verola e Avenoso non hanno disposto, in subordine,  nessuna misura. Gli altri quattro indagati (avvocati Daniela Panzarola, Barbara Romoli e Francesca Fioretti) rimangono in carcere. 

L'indagine è partita dalla denuncia di una giovane che in Questura svela come uno degli indagati le avesse proposto di venire in Italia per lavorare. La minorenne aveva così raggiunto le coste libiche alla volta della Sicilia a bordo di un gommone, poi da lì fino a Perugia dove era stata ospitata da una donna nigeriana in un appartamento a Fontivegge. Ma in quell’appartamento, dove vivevano anche altre ragazze sfruttate per pagare l’oneroso “debito di ingaggio”, anche lei era stata subito costretta a prostituirsi e anche picchiata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati, in concorso con altri soggetti operanti in Libia e in Nigeria, avrebbero introdotto illegalmente nel territorio italiano una pluralità di giovani donne, anche minorenni, approfittando della loro condizione di vulnerabilità, gestendo il loro viaggio dalla Nigeria alla Libia, la loro permanenza nei ghetti sulle coste libiche (dove i migranti venivano sottoposti a violenze e privazioni), la traversata via mare fino all’Italia su fatiscenti imbarcazioni e il successivo trasferimento dai centri di accoglienza italiani al territorio di destinazione finale, Perugia, per essere poi vendute e sfruttate come schiave lungo le vie del sesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento