menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasimeno, antica barca dei pescatori recuperata dal fondo: ora è un'opera d'arte

Il barchino di Luciano, con all’attivo 70 anni di pesca e conservato in fondo al lago, viene recuperato e riprende vita

Miracolo al Lago Trasimeno: speciale recupero tra storia, lavoro, arte, antropologia. Il barchino di Luciano, con all’attivo 70 anni di pesca e conservato in fondo al lago, viene recuperato e riprende vita. Si realizza un sogno lungamente accarezzato dalla pittrice Stefania Natalicchi e da Maurizio Orsini, presidente della proloco di San Savino: quello di dipingere un’antica e rara barca da pesca per farne oggetto d’arte e d’attrazione turistica al nostro Lago.

Proposito covato e realizzato con passione  e professionalità. Il pittore perugino Roberto Banfi, insieme ai colleghi Stefania Natalicchi e Cinzia Rosini, hanno messo mano all’opera, certamente unica.   Lo stesso presidente,  brandendo pennelli e colori, si mette al lavoro insieme ai tre artisti. Operano per giornate intere fino mezzanotte e realizzano un capolavoro che racconta la fauna ittica e l’ecoambiente lacustre.

Da oggi pomeriggio la barca è collocata di fronte alla chiesa di San Savino per lasciarsi immortalare, insieme al panorama del Lago, e ospitare i curiosi, disposti a farsi effigiare su questa artistica imbarcazione  per portare a casa un bel ricordo dell’Umbria. Brand dell’iniziativa (tra cultura locale e promozione turistica del territorio): "Foto al Tramonto". Sulla superficie dell’antico manufatto c’è di tutto: il profilo del Trasimeno, la fauna, la flora, il logo della proloco e perfino… lo storico scontro annibalico del 217 avanti Cristo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento