menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cameriere spara a un trans per il prezzo della droga: condannato a 4 anni

L'uomo che sparò a un trans è stato condannato a quattro anni di reclusione con l'accusa di lesioni aggravate e non di tentato omicidio come era stato inizialmente ipotizzato

Un cameriere, un trans e una Beretta calibro 9. Due protagonisti e un oggetto che fanno da trama a una vicenda che ha il sapore amaro dell'altra Perugia. Oggi – 26 febbraio – è arrivata la sentenza in aula. Quattro anni di reclusione per l’uomo, difeso dall’avvocato Antonio Cozza, che ha sparato un colpo secco a un trans sulla gamba destra.

Tra i due ci fu prima una colluttazione che poi sfociò in un gesto di pazzia che sarebbe potuto anche finire con un morto, perché quel colpo sparato a sangue freddo potevo anche prendere l’arteria femorale. Il ring dello scontro, l’appartamento del trans, dove la Squadra mobile, ritrovò il bussolotto del colpo, oltre al sangue, presente su tutta l’abitazione.

L’uomo ha sempre detto di non aver avuto alcuna intenzione di colpire il trans e forse è anche per questo che è stato condannato per lesioni gravi e non per tentato omicidio come aveva ipotizzato il pubblico ministero, Gemma Miliani.

La pistola, ovviamente, comprata al mercato nero non era mai stata denunciata alle autorità. I motivi comunque che hanno spinto il cameriere a un gesto simile sarebbero da ricondurre al fatto che il marocchino avrebbe aggirato il trans nell’acquisto di cocaina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento