menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia in carcere, si toglie la vita un detenuto a Capanne per l'omicidio della madre

La denuncia di Beneduci, segretario dell'Organizzazione sindacale autonoma di Polizia penitenziaria

Un detenuto di 60 anni ristretto nel carcere di Capanne per l’omicidio della madre, si è tolto la vita nella propria cella e a nulla sono valsi gli immediati soccorsi del personale di Polizia penitenziaria e del personale sanitario.

A denunciare l’episodio avvenuto questa mattina intorno alle 10.30 è l’Organizzazione sindacale autonoma di Polizia penitenziaria con il segretario generale Leo Beneduci che indica quanto “l’ennesimo grave episodio dimostri fuori da qualsiasi dubbio la carenza di un sistema che non garantisce più né la funzione rieducativa della pena né l’incolumità fisica di chi è detenuto e di chi lavora nelle carceri italiane”.

Secondo Beneduci di fronte “all’ingiustificato esborso di danaro dei contribuenti per un sistema che non garantisce né sicurezza né recupero sociale, è indubbio che un governo che veramente curi l’interesse dei cittadini non possa non prendere in considerazione immediati provvedimenti, non solo legislativi, per guarire il sistema penitenziario italiano”. 

AGGIORNAMENTO: Condannato per aver strangolato la madre nel sonno a Montelaguardia, Luciano Naticchi suicida a Capanne

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento