menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'operazione della Guardia Costiera (servizio del Tg1)

L'operazione della Guardia Costiera (servizio del Tg1)

Traffico internazionale di rifiuti tossici: sette arresti e tre stabilimenti sotto sequestro

Il container proveniente dall'Umbria fa scattare la maxi operazione: giro d'affari da 46 milioni di euro

Tre stabilimenti sotto sequestro e sette arresti tra Umbria, Toscana e Lazio dopo l’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma che ha portato alla luce un traffico internazionale di rifiuti tossici. Un giro d’affari da 46 milioni di euro, stroncato dalla Dda e dalla Guardia Costiera di Civitavecchia. E l’operazione è ancora in corso.


Tutto è partito dal controllo di alcuni di rifiuti provenienti da Orvieto e Viterbo e depositati nel porto di Civitavecchia, accompagnati da certificati di avvenuta lavorazione e bonifica. E qui sta il trucco. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’organizzazione raccoglieva scarti di industrie non lavorati e rifiuti tossici di varie industrie italiane, risparmiando sul processo di trattamento tramite false attestazioni di avvenuta bonifica.


Le analisi di laboratorio hanno evidenziato che i materiali, pronti per essere spediti in Asia, erano in realtà tossici e potenzialmente pericolosi per la salute. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento