Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Traffico di droga dalla Spagna a Perugia, sgominata organizzazione internazionale

Arresti e perquisizioni in varie province italiane: corriere arrestato a Deruta mentre percorreva la E45. Perquisizione a casa di un indagato a Magione

Sgominata un'organizzazione internazionale dedita al traffico di droga, coinvolta anche Perugia nell'operazione attuata nella mattinata di oggi dai carabinieri del Ros. In Umbria un corriere è stato intercettato a Deruta, lungo la E45, mentre è stata effettuata una perquisizione a Magione nei confronti di uno degli indagati.

L’indagine, seguita dalla Dda di L’Aquila e dalla Procura di Teramo, ha interessato i Comandi provinciali dell’Arma di Teramo, Pescara, Fermo, Ascoli Piceno, Brescia e Perugia, in coordinamento con il Landeskriminalamt del Nord Reno – Westfalia (Germania), l’Udyco Central della Policia Nacional (Spagna), la Police Judiciaire Fédérale di Mons (Belgio) e il dipartimento anti-narcotici della polizia nazionale dell’Ucraina, stanno dando esecuzione a 14 misure cautelari, in province italiane e all’estero.

Secondo l’accusa le persone fermate sarebbero, a vario titolo, responsabili di ''produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope” e “associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope”, operante nel territorio nazionale, in Germania e in Spagna, con ulteriori contatti in Belgio e in Ucraina.

Per la Dda dell’Aquila la struttura organizzata era dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, acquistate in Spagna e trasportate in Italia.

L’indagine ha consentito di documentare l’operatività in Abruzzo di un’organizzazione criminale - svincolata da contesti di criminalità organizzata di tipo mafioso - formata da cittadini italiani, spagnoli, argentini e colombiani, dedita al traffico, anche internazionale, di hashish e cocaina. Le sostanze stupefacenti, approvvigionate in Spagna da alcuni indagati residenti nel paese iberico, venivano trasportate, via gomma, in Italia da corrieri che lo occultavano all’interno di autotreni nella disponibilità dell’organizzazione, per poi essere stoccati in Abruzzo a favore delle piazze di spaccio abruzzesi e marchigiane. Il sodalizio criminale con vertice, uomini di fiducia e sodali sul Territorio Nazionale ed estero, poteva contare su punti di riferimento in Spagna e Germania.

Gli inquirenti, durante il lungo periodo d’indagine, hanno posto in essere diversi sequestri, per un totale di circa 100 chilogrammi di hashish e 1 chilo di cocaina, riuscendo a ricostruire i vari ruoli degli associati. Oltre agli arresti, sono state eseguite diverse perquisizioni nei confronti di altri indagati, residenti in Spagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga dalla Spagna a Perugia, sgominata organizzazione internazionale
PerugiaToday è in caricamento