rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Vendono cuccioli di cane con falsi pedigree: veterinario e allevatore sotto processo

I cuccioli sarebbero stati importati dalla Romania, ma venduti come Maltesi allevati in Italia

Un veterinario e un allevatore sono finiti sotto processo per tentativo di frode in commercio, in concorso, per aver venduto cani di razza che tali non erano.

I due, difesi dagli avvocati Andrea Galmacci e Gianni Dionigi, “con distinte condotte”, ma in concorso tra loro, “in qualità di veterinario e quale proprietario … vendevano cuccioli di cane per origine e provenienza diversi da quanto dichiarato e pattuito con gli acquirenti ignari”.

Secondo la Procura di Perugia i cuccioli provenivano dalla Romania, ma sarebbero stati falsamente attestati come “maltesi di provenienza italiana”. Falsificazione che sarebbe avvenuta per diciassette vendite tra la fine del 2020 e per tutti il 2021. Quattro degli acquirenti si sono costituiti parte civile.

La Procura contesta anche il falso nella formazione dei “modelli A di identificazione degli animali (da inserire nei microchip)” nei quali sarebbe stato dichiarato che i “cuccioli erano stati identificati come italiani e non importati, e di razza maltese, quando in realtà si trattava di cuccioli di provenienza rumena e meticci poiché senza pedigree”.

Contestate anche diverse violazioni sanitarie e delle leggi sulle importazioni degli animali in quanto “introducevano nel territorio nazionale e cedevano cuccioli di cane privi del sistema di identificazione individuale e delle necessarie certificazioni sanitarie, con l’aggravante di aver trasportato cuccioli di età inferiore alle 12 settimane senza essere al seguito delle madri”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendono cuccioli di cane con falsi pedigree: veterinario e allevatore sotto processo

PerugiaToday è in caricamento