Todi, cresce la differenziata: tutto pronto per la nuova raccolta degli oli esausti alimentari

Nel 2015 la percentuale di raccolta differenziata a Todi ha superato il 67%, attestandosi su una percentuale media annua del 67,35%, in aumento rispetto al 66,61% del 2014. È quanto emerge dai dati, non ancora definitivi, sulla produzione dei rifiuti e della raccolta differenziata relativi al 2015 forniti da Gesenu e Gest, società gestrice del servizio di igiene urbana  nell’ATI 2. Le rilevazioni evidenziano un trend in crescita rispetto all’anno precedente, con risultati particolarmente significativi nel quarto trimestre 2015, in cui è stata raggiunta la percentuale del 71,11% rispetto al 67,17% dello stesso periodo del 2014.

“Il buon risultato raggiunto – commenta l’Assessore all’Ambiente Luca Pipistrelli - è da attribuire in larga parte allo spirito di collaborazione e all’impegno dimostrato da cittadini. Impegno che, se continuerà anche in futuro, porterà effetti positivi dal punto di vista ambientale. L’auspicio per il futuro è che tutti i soggetti interessati proseguano il percorso virtuoso intrapreso, contribuendo con il loro esempio a migliorare l’ambiente a beneficio di un innalzamento della qualità della vita”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riguardo i nuovi servizi previsti per il 2016, nei primi mesi dell’anno a Todi, come in altri Comuni dell’Umbria, debutterà un nuovo sistema di raccolta degli oli esausti alimentari, servizio che sarà attivato in collaborazione con Gesenu. Si tratta di un sistema innovativo di raccolta e recupero degli oli alimentari esausti di provenienza domestica e da utenze produttive e commerciali, che non si limiterà alla raccolta e gestione dell’olio esausto in maniera corretta, ma al suo inserimento nel percorso per la sua trasformazione in una fonte energetica riutilizzabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento