menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Ordinavano la marijuna tramite internet, pagavano con bit-coin: tre universitari denunciati

I Carabinieri di Todi, dopo due mesi di indagini sulla spaccio locale, sono risaliti al metodo utilizzato. E così è stato intercettato l’ennesimo “pacco postale”. Ecco il metodo innovativo utilizzato dai 3 giovani

Tre studenti universitari di Todi, grandi esperti di internet, hanno regolarmente acquistato marijuana ordinandola sul web sfruttando una linea wi-fi di un ente pubblico, mantenendo così l’anonimato. Per di più hanno effettuato i pagamenti delle ordinazioni di droga, utilizzando moneta virtuale (c.d. bitcoin)

I pacchi con la droga venivano direttamente inviati ad un essercizio commerciale ignaro del contenuto reale ordinato e pagato dai tre giovani. Ma i Carabinieri di Todi, dopo due mesi di indagini sulla spaccio locale, sono risaliti al metodo utilizzato. E così è stato intercettato l’ennesimo “pacco postale”, proprio nel momento in cui uno degli indagati lo ha ritirato.

All'interno sono stati ritrovati 20 grammi di marijuana, mentre la successiva perquisizione presso il domicilio dello stesso giovane, ha permesso ai militari di rinvenire ulteriori 5 grammi di marijuana ed altro materiale ritenuto utile alle indagini. Tre le denunce a piede libere emesse dai militari alla Procura della Repubblica. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento