LA TESTIMONIANZA "Quattro giorni da incubo per effettuare un tampone per mio figlio con febbre alta e perdita del gusto"

La testimonianza di una donna, con in famiglia anziani invalidi, alle prese con la paura del Covid dopo giorni di febbre alta del figlio. Difficoltà, telefonate, rabbia e infine il tampone anticipato. Il tutto riportato nella pagina di Fb Perugia ieri, oggi e domani

La testimonianza di una donna, con in famiglia anziani invalidi, alle prese con la paura del Covid dopo giorni di febbre alta del figlio. Difficoltà, telefonate, rabbia e infine il tampone anticipato. Il tutto riportato nella pagina di Fb Perugia ieri, oggi e domani

**********

di Silvia M.

Inizio dell'odissea il giorno 22 settembre ore 15.45. Thomas con febbre a 38.5, chiamo la pediatra che mi dice di attendere 24 ore. Mercoledì 23 settembre ore 16 richiamo la pediatra perché la febbre è ancora alta. La dottoressa mi riferisce che non ho l'obbligo di far fare il tampone al figlio, ma visto che io sono immunodepressa, ho il suocero con l'ossigeno e una madre allettata decido di richiedere il tampone. Parte la segnalazione e aspettiamo. Intanto la febbre resta sui 39 e il bambino perde il senso del gusto. Giovedì tutto tace. Venerdì vengo contattata dal centro salute che mi da appuntamento per lunedì mattina per il tampone.. Imploro l'operatrice di non farmi aspettare tutto questo tempo e lei mi risponde che il sabato è dedicato alle urgenze e quindi nessuno potrà venire a fare il tampone. 

Chiedo mestamente se questa non fosse un'urgenza.. Evidentemente no. Richiamo la pediatra, la quale mi spedisce al drive in di piazzale Europa per fare il tampone. Carico mio figlio in auto e andiamo su. 10 auto in fila che scorrono velocemente. Arriva il nostro turno e mi chiedono cosa sto facendo lì.. Una passeggiata avrei voluto dire.. Poi spiego la situazione e appena dico che il figlio ha la febbre mi iniziano a urlare contro come se fossi una delinquente e mi hanno intimato di andare via immediatamente. Chiedo per curiosità cosa cazzo stessero facendo lì... Ma niente.. Dovevo andarmene sennò mi avrebbero denunciata. 

Torniamo a casa e richiamo la pediatra.. Uno per dirle per quale cazzo di motivo mi ha mandato a fare sta figura di merda, secondo perché volevo mi venisse a visitare il bambino. Risposta... Non possiamo venire a casa a fare visite,... Quindi? Che devo fare? Se non fosse covid ma magari polmonite lo lascio abbandonato a se stesso??? Che faccio do l'antibiotico in via precauzionale? No meglio di no.. Ore 17.. Mi richiamano dal centro salute.. Mi danno appuntamento per il tampone lunedì ore 8. 30 a piazzale Europa.. C'è un lungo silenzio da parte mia e poi l'apoteosi. Ribadisco che il bambino ha 38 di febbre (e l'operatrice allibita risponde: ah ha la febbre? E sti gran cazzi sono 3 giorni che ve lo dico) e che se non mi mandano qualcuno il giorno seguente avrei chiamato i carabinieri... Un minuto di attesa e appuntamento fissato per il giorno dopo.. Sabato ore 11.54 arrivano a casa a fare il tampone.. Durata dell'intervento 30 secondi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sera avrei potuto scaricare la risposta. Per fortuna tampone negativo. Domenica, cioè oggi l'odissea è terminata.. Almeno per ora.. In conclusione.. Se ti serve il tampone devi minacciare gli operatori, tu però puoi andare a lavorare, lasciando tuo figlio minore a casa con febbre alta. Se hai altri figli puoi tranquillamente mandarli a scuola, poi però se il tampone fosse stato positivo avremmo fatto chiudere 2 scuole.. Tuo figlio ha febbre alta? Lascialo morire solo nel letto perché nessun pediatra ti viene a casa a visitarlo.. Facciamo turista fai da te sperando in una botta di culo sulla terapia scelta.. Ma di cosa vogliamo parlare? Siamo solo alla fine di settembre e questi non sanno gestire un cavolo di niente... Vi auguro solo una cosa.. Che nessuno dei vostri figli prenda mai un'influenza.. È davvero il più grande augurio che possa farvi. In bocca al lupo ad ognuno di voi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento