menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo, Imam residente a Perugia espulso dall'Italia. Salvini: "A casa!"

Il provvedimento è scaturito a seguito di un’indagine della Digos di Perugia coordinata dalla procura di Perugia nei confronti del 36enne, già Imam di un luogo di culto islamico attivo a Ponte Felcino

Espulso dal territorio per terrorismo un egiziano di 36 anni, Ahmed Elbadry Elbasiouny Aboualy, residente a Perugia e recentemente domiciliato in provincia di Brescia. La polizia ha dato esecuzione a un provvedimento di espulsione emesso dal Ministro dall’Interno per motivi di prevenzione del terrorismo. L’egiziano è stato rintracciato a Brescia, città in cui era ospitato per svolgere temporaneamente funzioni di imam in un centro islamico della zona.

Il provvedimento è scaturito a seguito di un’indagine della Digos di Perugia coordinata dalla procura di Perugia nei confronti del 36enne, già Imam di un luogo di culto islamico attivo a Ponte Felcino. Nel luglio del 2017 scattarono anche le perquisizioni e sequestrato del materiale informatico anche a carico di un altro straniero vicino ad Ahmed. 

Terrorismo a Perugia, indagini sul centro islamico di Ponte Felcino

L’uomo, dopo essere stato rintracciato dagli agenti della Digos a Brescia, è stato accompagnato all'aeroporto Milano – Malpensa per essere rimpatriato con un volo diretto a Il Cairo.

Il Ministro Salvini, con un post su Facebook, aveva annunciato la firma dell’espulsione dell’imam: “Firmata adesso l’espulsione di un imam che incitava al terrorismo islamico in Italia: a casa!”. Questo sarebbe emerso dall'analisi dei files nei suoi computer e tablet ed emerso anche in alcuni luoghi di culto in cui predicava.

Secondo quanto riporta Milanotoday, l'egiziano nel 2009 aggredì Daniela Santanchè (che l'anno precedente era stata candidata a premier dal movimento La Destra di Francesco Storace) durante una manifestazione contro il velo integrale per le donne musulmane. Fonti del Viminale riferiscono che l'imam avesse intessuto "legami con soggetti pericolosi", tra cui Mohamed Game, il "solitario" che cercò di attentare nel 2009 la caserma di Santa Barbara a Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento