Terremoto Centro Italia, danni e sfollati anche a Preci e Monteleone: scatta piano per l'inverno

Oltre mille umbri costretti ad oggi a vivere fuori dalle proprie case parzialmente agibili o totalmente non agibili. Case che per fortuna, grazie anche alla buona ricostruzione, hanno retto seppur danneggiate senza provocare vittime. Il terremoto ha fatto male ma senza lutti anche in Umbria e giorno dopo giorno si stanno scoprendo danni e cresce il numero degli sfollati. I comuni più colpiti sono Norcia, Cascia, Monteleone di Spoleto e Preci.

E qui che si concentrano tendoli e protezione civile a sostegno delle famiglie rimaste al momento senza casa. Una delle frazioni più colpite, secondo i tecnici comunali, è Avendita a Cascia. Il presidente Marini ha effettuato un sopralluogo ed ha iniziato a studiare un piano per limitare il più possibile le tendopoli anche in vista dell'autunno e inverno: "L'obiettivo - ha affermato la Marini - è quelli di ridurre al massimo i tempi di permanenza nelle tende ed individuare invece soluzioni alternative e più idonee (alberghi, autonome sistemazioni e prefabbricati) che consentano di affrontare al meglio la stagione invernale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • All'asta un pezzo di storia di Perugia: in vendita villa Gallenga-Stuart dove fu ospite D'Annunzio

Torna su
PerugiaToday è in caricamento