menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Risorgere dal sisma, il nuovo "ospedale" per aiutare i terremotati di Cascia e della Valnerina

La struttura – all’interno della quale saranno presenti il pronto soccorso, una postazione del 118, diversi ambulatori specialistici (cardiologia, oculistica, otorino, chirurgia ambulatoriale,dermatologia, fisiatria e reumatologia) e una palestra per la fisioterapia –  è stata concessa in gestione alla Usl Umbria 2, che la utilizzerà finché non verrà ripristinato l’ospedale di Cascia

Risorgere dal terremoto. Cascia e il territorio della Valnerina potranno contare su un nuovo presidio di sanità, realizzato in una struttura modulare di oltre 260 metri quadrati all’interno della quale saranno garantiti tutti i servizi sanitari essenziali per la popolazione che l’ospedale della città, reso inagibile dal terremoto del 30 ottobre scorso, al momento non è in grado di offrire. L’intervento è stato realizzato dalla Croce Rossa Italiana, d’intesa con la Regione Umbria, con la collaborazione della Tecnifor Spa e il contributo del Gruppo Banca Popolare di Bari, attraverso le due banche che lo compongono: la capogruppo Banca Popolare di Bari e la controllata Cassa di Risparmio di Orvieto.

Il taglio del nastro è avvenuto stamani, presenti Luca Barberini, assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Flavio Ronzi, segretario generale della Croce Rossa Italiana, Paolo Scura, presidente CRI Umbria, Gino Emili, sindaco di Cascia, Imolo Fiaschini, direttore generale della Usl Umbria 2, Benedetto Maggi, direttore generale della Cassa di Risparmio di Orvieto che fa parte del Gruppo Banca Popolare di Bari.

La struttura – all’interno della quale saranno presenti il pronto soccorso, una postazione del 118, diversi ambulatori specialistici (cardiologia, oculistica, otorino, chirurgia ambulatoriale,dermatologia, fisiatria e reumatologia) e una palestra per la fisioterapia –  è stata concessa in gestione alla Usl Umbria 2, che la utilizzerà finché non verrà ripristinato l’ospedale di Cascia. L’investimento sostenuto dalla Croce Rossa Italiana e dal Gruppo Banca Popolare di Bari, per l’allestimento del nuovo polo sanitario, è stato di circa 200mila euro.

 “Questo spazio – ha evidenziato l’assessore Barberini – integra tutte le iniziative realizzate dopo il sisma in ambito socio-sanitario, permettendo di mantenere in questo territorio un valido presidio di sanità utile a dare risposte efficaci ai bisogni di salute della popolazione, garantendo le attività di primo soccorso e la sanità di prossimità. Si tratta di un obiettivo importante, reso possibile da un grande lavoro di squadra che ha unito diversi soggetti pubblici e privati. Ringrazio quanti lo hanno reso possibile, in particolar modo coloro che lo hanno finanziato. Nei prossimi mesi – ha aggiunto – lavoreremo per ripristinare quanto prima il presidio ospedaliero di Norcia e quello di Cascia, in quest’ultimo caso promuovendo in particolare il recupero dell’area del soccorso e la valorizzazione della riabilitazione intensiva”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento