menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto, iniziata l'operazione ricostruire basilica di San Benedetto: prima fase, il salvare il salvabile

In prima linea i vigili del fuoco e i tecnici della soprintendenza che devono catalogare tutte le pietre e i frammenti della struttura che potranno essere recuperati

L'operazione Basilica San Benedetto è ufficialmente partita. Almeno per quanto riguarda la prima parte che si basa sul salvataggio delle opere d'arte (dipinti, affreschi e statue), il rosone, la facciata con tanto di messa in sicurezza dei pericolanti edifici confinanti  che potrebbero distruggere, crollando, quel poco che resta in piedi della Basilica e del monastero benedettino.  

Negli ultimi giorni sono state portate in salvo dai vigili del fuoco anche numerose opere a cominciare dalle reliquie di San Benedetto, alcune parti del rosone e della facciata. Per attenuare i danni del maltempo i vigili del fuoco hanno applicato alle pareti semi-distrutte dei teli che dovranno proteggere le ultime opere d’arte rimaste sepolte sotto macerie e travi. 

Altre squadre sono a lavoro per la messa in sicurezza della torre civica del municipio a pochi metri dalla Basilica. In questo caso si sta effettuando un cerchiaggio e una tirantatura per tenere insieme la parti sconnesse dell’imponente torre civica. 

basilica san benedetto norcia crolli terremoto-2

ALTRI MONUMENTI - I vigili del fuoco sono diverse centinaia le opere salvate dalla distruzione tra queste il recupero della pala d'altare di Jacopo Siculo a Norcia dalle macerie della chiesa di san Francesco. Un intervento impegnativo anche per le notevoli dimensioni dell’opera che è stata poi trasportata al deposito di Spoleto.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento