menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ecco quanti danni ha causato il terremoto del Centro Italia: da agosto oltre 23 miliardi di euro

Il Dipartimento della Protezione Civile ha trasmesso a Bruxelles il fascicolo completo con la stima dei danni e dei costi causati dal terremoto al fine di attivare il Fondo di Solidarietà dell'Unione Europea

Il Dipartimento della Protezione Civile ha trasmesso a Bruxelles, tramite la Rappresentanza permanente d’Italia, il fascicolo completo con la stima dei danni e dei costi causati dal terremoto che ha colpito il Centro Italia a partire dal 24 agosto 2016 e che ha interessato il Lazio, le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo.

Il fascicolo è stato trasmesso al fine di attivare il Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea (FSUE), che ha lo scopo di sostenere gli Stati membri dell’Ue colpiti da catastrofi naturali. I danni dell’intera sequenza sismica (dal 24 agosto ad oggi) ammontano  a 23miliardi e 530 milioni di euro, di cui 12,9 miliardi si riferiscono ai danni relativi agli edifici privati e 1,1 miliardi di euro agli edifici pubblici.

La stima-si legge in una nota della Protezione Civile- comprende danni diretti, sia pubblici sia privati - vale a dire quelli che hanno provocato la distruzione di edifici, di infrastrutture, di raccolti e anche quelli che hanno colpito industrie e imprese, il patrimonio culturale, le reti di distribuzione dell’energia, del gas, dell’acqua - e i costi eleggibili, sostenuti dallo Stato per far fronte all’emergenza (ripristino infrastrutture, impianti gas, energia, alloggi provvisori, ect).

L’Italia aveva presentato la richiesta di attivazione del Fondo il 16 novembre, in ottemperanza al regolamento, fornendo una prima stima dei danni e dei costi calcolati fino al 25 ottobre 2016; a causa del protrarsi dell’emergenza per le nuove e continue scosse negli stessi territori - con particolare riferimento a quelle del 26 e del 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017 - il Dipartimento della Protezione Civile si era riservato di produrre una integrazione alla documentazione per rappresentare il quadro completo riferito all’intera sequenza sismica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Motori

Nuova Jeep Compass ora anche a Perugia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento