menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto, danni a Perugia: lesionata l'Accademia delle Belle Arti e le mura di viale Roma

Approvati dalla Giunta i lavori "di somma urgenza" per evitare crolli: chiusa parte dell'Accademia

Le conseguenze del terremoto a Perugia. Approvati dalla Giunta di Perugia, su proposta dell’assessore Francesco Calabrese, “i lavori di somma urgenza necessari per scongiurare il pericolo di crolli a seguito dei dissesti causati dal terremoto dello scorso ottobre sia all’immobile dell’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci in Piazza San Francesco che alla porzione delle Mura urbiche lungo Viale Roma”.
Per quanto riguarda la sede dell’Accademia, spiega il Comune, “la necessità di tali interventi era stata già evidenziata da un primo sopralluogo effettuato dai tecnici all’indomani del terremoto del 30 ottobre; erano stati rilevati danni tali da richiedere l’interdizione all’utilizzo di una porzione dell’immobile stesso. Danni peraltro confermati lo scorso 16 novembre durante un ulteriore sopralluogo che ha evidenziato la presenza di dissesti nella parte nord del chiostro interno e la necessità di immediati lavori per evitare che si possano verificare eventuali crolli sulla parte sottostante del fabbricato, occupata dai giardini di un edificio scolastico”.

Gli interventi consistono nell’apposizione di fasciature metalliche perimetrali sulle porzioni di fabbricato danneggiate, nella puntellatura e risarcitura delle parti pericolanti delle strutture voltate, nella rimozione e distacco delle parti instabili presenti sulla porzione di fabbricato una volta messo in sicurezza. L’importo dei lavori in questi caso è di 10.000 euro complessivi.

Per quanto riguarda le mura di Viale Roma, “considerate peraltro bene monumentale vincolato, il sopralluogo effettuato lo scorso 22 novembre ha evidenziato danni alle strutture murarie della parte sud ovest delle mura stesse, a margine dei Giardini del frontone, con eventuale rischio per la viabilità sottostante. Per questo si è ritenuto necessario intervenire con urgenza, per ripristinare il patrimonio immobiliare e scongiurare ulteriori danni. Gli interventi hanno riguardato la rimozione del terreno gravante da monte sulle mura per una profondità di tre metri, la realizzazione di una superficie in calcestruzzo alla base dello scavo, la realizzazione di scogliera con blocchi di pietra debolmente cementati per la eliminazione delle spinte sulle mura ed il ripristino del piano di calpestio a monte del muro, il ripristino delle parti di paramento pericolanti e “risarciture” delle lesioni più importanti, la rimozione ed il distacco delle parti instabili presenti sulla porzione di fabbricato una volta messo in sicurezza. In questo caso l’importo dei lavori è pari a 90mila euro complessivi”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento