menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Case popolari ai terremotati della Valnerina, è bufera: "Delibera sconcertante"

Con la delibera numero 1310 del 14 novembre 2016 la Regione dell’Umbria ha sospeso per almeno sei mesi i bandi di concorso per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale sociale pubblica emanati nel 2016

Case popolari ai terremotati dell'Umbria. Con la delibera numero 1310 del 14 novembre 2016 la Regione dell’Umbria ha sospeso per almeno sei mesi i bandi di concorso per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale sociale pubblica emanati nel 2016 e ha disposto in tutta la regione la sospensione dell’assegnazione degli alloggi attualmente disponibili, al fine di consentire l’utilizzo del patrimonio edilizio pubblico per le finalità di accoglienza delle popolazioni terremotate.

Terremoto, la Perugina adotta Castelluccio di Norcia: "La faremo rifiorire"

Il sindacato, però, non la prende benissimo. “Si tratta di una decisione assolutamente condivisibile - commenta in una nota il Sunia Cgil dell’Umbria - che porterà però a delle conseguenze molto rilevanti per le persone che si trovano in difficoltà abitativa e soprattuto quelle sottoposte a sfratto esecutivo (circa mille secondo l’ultimo conteggio in Umbria), persone che in alcuni casi sono già fuori dagli alloggi e in attesa di nuova collocazione”. Il Sunia chiede dunque alle prefetture di Perugia e Terni di tenere in considerazione questa situazione eccezionale e di calibrare di conseguenza la risposta della forza pubblica nell’esecuzione degli sfratti. Al contempo, il Sunia invita tutta la cittadinanza interessata a non presentare le domande fino al ripristino dei bandi, per evitare di perdere l’importo della marca da bollo (16 euro).

Contrario anche il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Marco Squarta: "Anziché trovare una soluzione per i terremotati della Valnerina la Regione Umbria, con un provvedimento sconcertante, sospende le assegnazioni delle case popolari. È un dovere politico e morale trovare una sistemazione agli sfollati ma non si possono penalizzare le famiglie che non hanno i soldi per pagare l'affitto, per di più già assegnate con un bando del 2014". Così il capogruppo di Fratelli d'Italia all'Assemblea legislativa, Marco Squarta, commenta “l'inaspettata delibera della Giunta di Palazzo Donini”.

Gli “angeli” degli animali nelle zone terremotate dell’Umbria: cibo, conforto e un riparo dal freddo

"I terremotati - rileva il consigliere di opposizione - stanno vivendo un momento di enorme difficoltà ma la sospensione dei bandi per i cittadini che hanno partecipato ad una lunga procedura burocratica e hanno la necessità di una casa popolare di cui sono risultati beneficiari non può e non deve essere la soluzione al problema degli sfollati di Norcia, Cascia e Preci. Molti terremotati hanno avanzato riserve quando hanno lasciato i propri paesi per trasferirsi temporaneamente al Trasimeno. Palazzo Donini - evidenzia Squarta - non individua soluzioni di comune accordo con Governo e amministrazioni comunali per un'adeguata sistemazione ai terremotati ma costringe i Comuni a revocare un beneficio già concesso. Mi chiedo se i componenti della Giunta regionale abbiano pensato agli effetti di un simile provvedimento che penalizza i vincitori del bando. Si tratta di persone che non hanno subìto i danni del sisma ma che, evidentemente, hanno altri problemi. La Giunta regionale è riuscita ancora una volta – conclude - nell'ardua impresa di scontentare tutti senza risolvere nessun problema. Stavolta, purtroppo, entrambe le parti vivono in condizioni di grave difficoltà". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento