menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il povero David Raggi

Il povero David Raggi

Terni in lutto dà l'ultimo saluto a David, fiori ai migranti: "Adesso basta odio razziale"

Alla fine della messa funebre per David Raggi, nel duomo di Terni: il fratello del giovane ucciso, Diego ha consegnato un mazzo di fiori ad alcuni immigrati. Le parole del Vescovo Piemontesi

Non sono tutti uguali come "noi" non siamo tutti uguali. E' questo quello che ha sempre sostenuto la famiglia di David Raggi, barbaramente ucciso da un magrebino ubriaco, irregolare, che lo ha colpito al collo con una bottiglia rotta. Fin dalle prime ore dalla tragedia hanno voluto spegnere tutta quella rabbia, tutto quell'odio che si stava riversando su tutti gli stranieri a Terni. Nel giorno del funerale il fratello di David, Diego, al termine della cerimonia ha voluto consegnare un mazzo di fiori ad alcuni migranti perfettamente integrati e lavoratori. Poi si è rivolto a tutti: "Adesso ditemi, quanto odio razziale c'è ancora nei vostri cuori?". Chiaro l'invito a non chiedere vendette generiche ma solo giustizia. Alla cerimonia funebre ha partecipato anche un imam del centro islamico di Terni.

D'altronde David in città si era sempre speso per l'integrazione, per il volontariato e per una Terni accogliente. Un impegno sano che il Vescovo Giuseppe Piemontese ha voluto ribadire durante il funerale: "David - ha aggiunto padre Piemontese - era un giovane generoso, amante della vita, che con la sua testimonianza insieme a tanti giovani contribuiva a purificare l'aria della nostra città dai virus che favoriscono violenza, insicurezza, intolleranza e razzismo".

All'uscita dalla chiesa, la bara di David - sul feretro c'e' un cuscino di fiori bianchi e una sciarpa della Ternana - è stata accolta dall'applauso della piazza piena di gente e da un lancio di palloncini colorati accompagnato da un sottofondo musicale. Migliaia le persone presenti per l'ultimo saluto e per cercare di cancellare questa triste pagina della città. Spetta ora alla Giustizia ricostruire tutta la vicenda e condannare, secondo le leggi del paese, il killer di David. 
  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento