Cronaca

Poste Italiane aumenta la sicurezza con la tecnologia, ecco perché è fallito il colpo a Collestrada

Bancomat con macchiatori di banconate in caso di furto, sistemi anti clonazione di carte di credito, collegamento con le forze dell'ordine e nuove telecamere predittive in base ai comportamenti delle persone

Poste Italiane punta sulla tecnologia per aumentare la sicurezza dei propri uffici e degli apparecchi postamat. Ed è proprio la tecnologia che ha impedito ai ladri di portare a termine il colpo domenica a danno dello sportello bancomat di Collestrada.

La segnalazione di allarme è partita alle ore 4.18 alla Security Room di Roma di Poste Italiane e ha consentito di allertare immediatamente le forze dell’ordine e attivare il presidio di vigilanza fissa. Nonostante l’uso del gas la cassaforte non è stata aperta e il furto non è stato portato a termine.

Per contrastare il tentativo di furto ai danni dell’ufficio postale di Collestrada, quindi, è risultata fondamentale, oltre alla dotazione di sistemi di sicurezza tecnologicamente evoluti, la collaborazione tra Poste Italiane e le forze dell’ordine.

L’utilizzo di sistemi di sicurezza tecnologicamente evoluti, ha consentito nel 2020 di ridurre del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, gli eventi criminosi di furti e rapine su tutto il territorio nazionale.

Poste Italiane si dotata di caveau blindati con speciali casseforti a apertura temporizzata, e ha attivato sugli sportelli il sistema RollerCash, particolari casseforti collegate alle postazioni operative i cui cassetti possono essere aperti esclusivamente alla conclusione di un’operazione.

Nel corso del 2020 sono state oltre 630 le ore in cui è stata garantita la presenza di una guardia giurata durante l’orario di apertura al pubblico degli Uffici, e sono state effettuate oltre 100 ronde ispettive in orario diurno e notturno.

Un particolare punto di attenzione è stato inoltre rivolto ai 114 ATM (Postamat) presenti nel territorio. Tutti i dispositivi di nuova generazione sono infatti dotati di macchiatore di banconote, che rende inutilizzabile il denaro sottratto in caso di atto vandalico, e del sistema elettronico “antiskimming”, per impedire la clonazione delle carte di credito.

Inoltre, negli uffici postali del perugino, sono presenti oltre 178 impianti di videosorveglianza a circuito chiuso composti da oltre 315 telecamere che, oltre a monitorare possibili intrusioni notturne nei locali di Poste Italiane e contribuire al riconoscimento di eventuali rapinatori, consentono attraverso un sofisticato software di videoanalisi predittiva, di riconoscere automaticamente comportamenti sospetti e potenziali attacchi agli ATM, facendo partire in tempo reale la richiesta di intervento alle forze dell’ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste Italiane aumenta la sicurezza con la tecnologia, ecco perché è fallito il colpo a Collestrada

PerugiaToday è in caricamento