Teatro Morlacchi, dopo la lettera accorata agli abbonati del direttore dello Stabile, arriva una proposta

Dopo la lettera accorata agli abbonati del direttore dello Stabile Nino Marino, la spettatrice Gabriella Tomassoni scrive avanzando una proposta.

Premette: “Sono una storica frequentatrice della stagione teatrale del Morlacchi e penso di interpretare il pensiero dei tanti abbonati e spettatori che, come me, si sentono, causa forza maggiore, privati del teatro che in tutti questi anni ha contribuito a rendere piacevoli ed educativi tanti momenti della nostra vita”.

Un appello agli operatori e agli organizzatori della stagione teatrale del Morlacchi. “Comprendo quanto sia difficile, se non impossibile, far partire in sicurezza una stagione teatrale del tipo tradizionale, anche perché sarebbe improbabile garantire la presenza di tutti gli abituali abbonati, considerando la necessaria riduzione dei posti utilizzabili”.

Una possibile alternativa. “Perché allora, in alternativa, anche per non far perdere la bella abitudine al teatro, non organizzare una stagione in abbonamento con la partecipazione di alcuni validi e collaudati gruppi umbri e delle regioni limitrofe (del centro Italia) per abbattere i costi?”.

Fare qualcosa di innovativo, nell’emergenza, a favore dei giovani. “Questo sembra proprio l’anno giusto per realizzare qualcosa di innovativo e per dare finalmente visibilità a questi gruppi che, nonostante allestiscano spettacoli interessanti e di qualità indiscutibile, non riescono ad entrare in certi circuiti di maggior rilievo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quali i benefici? “Sicuramente un pubblico meno tradizionalista e meno sonnolento, conoscendoli, li apprezzerebbe. Sarebbe un modo per dare voce a queste compagnie che vivono il teatro con passione e sacrificio. Un esperimento del genere fu già realizzato. “Non sarebbe la prima volta che il Morlacchi è fautore di una tale iniziativa (ne ricordo una degli anni 70). Questo è il suggerimento di una affezionata abbonata dai capelli bianchi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento