Cronaca

Non versa la tassa di soggiorno per un anno, ma paga prima della sentenza ed evita la condanna

Il titolare di un agriturismo e di un campeggio doveva al Comune quasi 4mila euro incassati nel corso del 2018 e mai consegnati alle casse dell'ente pubblico

Sotto processo per mancato versamento della tassa di soggiorno al Comune dove gestisce un agriturismo e un campeggio sulle rive del lago di Corbara.

Il titolare delle due attività ricettive è stato portato davanti alla Corte dei conti per il mancato versamento, nelle casse comunali di Orvieto nel corso del 2018, di 3.806 euro di tassa di soggiorno dell’agriturismo e 95 euro relativi al campeggio. Le dichiarazioni dei soggiorni e di quanto riscosso dai clienti erano state depositate, ma le somme trattenute, portando alla contestazione della responsabilità amministrativa a carico del titolare delle attività ed un danno pubblico.

Per i giudici contabili è “pacifica nella giurisprudenza contabile l’attribuzione ai gestori di strutture ricettive della qualifica di ‘agenti contabili’, come tali ‘tenuti conseguentemente alla resa del conto giudiziale della gestione svolta’, alla riscossione e al conseguente riversamento, senza assumere la funzione di sostituto e responsabile d’imposta”.

L’omesso versamento dell’imposta di soggiorno integra, quindi, “un danno erariale da mancata entrata e determina la responsabilità amministrativo-contabile in capo al titolare/gestore della struttura”.

Nel caso in questione, però, “pur sussistendo tutti gli elementi necessari e sufficienti per dichiarare la sussistenza della responsabilità amministrativa del convenuto”, questi ha provveduto al versamento di 3.901 euro a titolo di imposta di soggiorno 2018 e di 31,09 euro di interessi, per un totale di 3.932 euro, cioè quanto richiesto dal Comune di Orvieto.

Il collegio giudicante ha, quindi, dichiarato la cessazione della materia del contendere “per intervenuto integrale pagamento, che ha totalmente ristorato il danno erariale arrecato dal convenuto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non versa la tassa di soggiorno per un anno, ma paga prima della sentenza ed evita la condanna

PerugiaToday è in caricamento