menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il curioso caso della targa anomala della "Piazzetta della Sinagoga"

La polemica: “Il Comune si metta d’accordo… almeno con se stesso. Se è il primo a non rispettare le proprie prescrizioni, dove andremo a finire?”

“Il Comune si metta d’accordo… almeno con se stesso. Se è il primo a non rispettare le proprie prescrizioni, dove andremo a finire?”. A parlare così criticamente è un noto storico cittadino, mentre osserva la nuova targa toponomastica apposta ad angolo tra via Ulisse Rocchi e la piazzetta sottostante via Pozzo Campana. Siamo di fronte a palazzo Brutti, sede della Soprintendenza. Da una settimana – evidentemente l’intestazione è passata per la Commissione toponomastica – questa piazzetta anonima è stata battezzata. “Adeguatamente”, a parere unanime.

Si chiama, infatti, “Piazzetta della Sinagoga”. Come mai? È noto che la zona di Pozzo Campana era, anticamente, un quartiere ebraico. Qui risiedevano gli ebrei ed esercitavano soprattutto attività economiche: finanziarie (prestarono soldi anche al Comune di Perugia) e commerciali. Lo dimostra tuttora un luogo di culto: l’abside dell’ex sinagoga che si nota scendendo lungo via Bartolo. Chiaramente ci troviamo nel rione di Porta S. Angelo, ex parrocchia di San Donato (il cui titolo sarebbe stato poi trasferito all’Elce).

Dunque: azzeccatissima, e storicamente pertinente, la denominazione. Meno azzeccata la tipologia di targa toponomastica. Anzi, a dirla tutta: anomala e fuori regola. Infatti questa ha dimensioni diverse, rispetto a tutte le altre disseminate in città: è sensibilmente più piccola e non se ne vede la ragione. Non è che il marmista abbia, per questo, preteso il pagamento di un centesimo in meno rispetto al costo di quelle di formato standard. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento