menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fra storia, tradizione e "degrado": quella targa in centro storico è ormai illeggibile

"Fondazione del muro di cinta della città medioevale. Sec. XIII-XIV". Ma quella targa delle fondazioni al Pellini è ormai illegibile: "ripulirla? No, rifarla"

E il sito è assolutamente eccezionale perché tra via Tornetta e la Canapina, tra piazzetta del Drago e via della Sposa, esiste un patrimonio di orti urbani, ormai abbandonati, compresi tra la cinta etrusca e quella medievale. Ottima, dunque, la scelta di evidenziare queste fondamenta lasciandole a vista. Ma spesso, si sa, le buone intenzioni non bastano e, se non si verifica l’evoluzione dei manufatti umani, si rischia di ottenere risultati temporanei, a causa del degrado che li affligge.

È il caso della targa metallica lì affissa, con una scritta che definisce il reperto: “Fondazione del muro di cinta della città medioevale. Sec. XIII-XIV”. Peccato che la grande umidità abbia coperto di concrezioni calcaree la tabella, ossidatissima, fradicia, verdognola, fino a farla risultare illeggibile. Se non è di certo facile eliminare l’umidità che impregna quelle fondazioni, è invece relativamente semplice ripulire la targa.

Anche se c’è chi sostiene che si farebbe prima, e meglio, a sostituirla con una nuova, spendendo probabilmente di meno. E, in questo caso, data l’esiguità della spesa, non c’è bisogno di art bonus, ma basta mettere mano al portafogli per tirarne fuori una somma ridicola: quella che serve per il rifacimento della targa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento