Cronaca

Svolta nell'indagine sulla morte di Maddalena Urbani (21 anni), la squadra mobile arresta straniero per omicidio

La ragazza dopo il malore per un presunto mix di alcol e droga, secondo gli inquirenti, poteva essere salvata

Maddalena Urbani, la giovane ragazza residente a Perugia dove svolgeva l'attività di barista, poteva essere salvata dopo il malore riconducibile, probabilmente, ad un abuso di oppiacei e di alcol, secondo gli inquirenti. Una svolta che arriva dopo diversi mesi dalla sua morte (il 27 marzo 2021) a soli 21 anni di età. La Squadra mobile ha arrestato un sirano di 64 anni, con molti precedenti per droga, il proprietario dell'appartamento a Roma dove si era rifugiata la giovane e dove ha perso la vita. L'accusa è di omicidio.

"Si ravvisa in particolare il dolo eventuale da parte dello straniero, consistente nell’aver accettato di non chiamare direttamente i soccorsi, facendo intervenire delle persone non qualificate che avevano cercato, senza alcun esito, di salvare la URBANI dal mix di droghe e psicofarmaci ingeriti": scrivono gli inquirenti. In pratica mentre la ragazza stava male e addirittura il cuore si era già fermato una volta - riprenderà grazie ad un massaggio cardiaco improvvisato - lo straniero chiamò un individuo italiano, appellato come “medico” solo perché aveva sostenuto alcuni esami di medicina e aveva un passato da tossicodipendente, grazie al quale riteneva di essere in grado di intervenire in caso di overdose; "il medico", come ha confermato dagli agenti della Squadra Mobile, ha ammesso di aver effettuato una iniezione di naloxone, giudicata però ininfluente dal medico legale nelle cause di decesso. Dunque, si è perso tempo prezioso prima di chiamare quando non c'era più niente da fare per la giovane 21enne. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svolta nell'indagine sulla morte di Maddalena Urbani (21 anni), la squadra mobile arresta straniero per omicidio

PerugiaToday è in caricamento