Timbro sul cartellino, poi dritti al bar: così il sindaco ha fatto arrestare sette dipendenti comunali

Il reato contestato ai sette nell'ordinanza di custodia cautelare disposta dal Gip Maurizio Santoloci è di truffa aggrava continuata in concorso

Beccati grazie all’esposto del sindaco. Sette dipendenti del Comune di Stroncone sono stati arrestati dai carabinieri e spediti agli arresti domiciliari. Il reato contestato ai sette nell’ordinanza di custodia cautelare disposta dal Gip Maurizio Santoloci è di truffa aggrava continuata in concorso. E l’indagine degli uomini dell’Arma è partati dopo un esposto-denuncia presentata proprio dal sindaco di Stroncone, Alberto Falcini.

I sette dipendenti del Comune, secondo quanto ricostruito dai militari, timbravano il cartellino, anche per i colleghi, e sparivano anche per tutto il giorno. In alcuni casi addirittura con l’auto di servizio. Ufficialmente erano al lavoro nell’autoparco del Comune, in realtà erano al bar o a fare la spesa. I sette, tra i 37 e i 62 anni, adesso sono agli arresti domiciliari.

L’esposto? Un dovere - “Mi sono sentito in dovere di farlo, era giusto così”. Con queste parole il sindaco Falcini spiega la decisione di presentare l'esposto che ha dato il via alle indagini. E l'opera del primo cittadino non è finita: “Appena ci verrà notificata l'ordinanza - spiega - faremo tutto quanto è di nostra competenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Magione, una serata da incubo: invasione di chironomidi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento