Strage di gatti a Perugia: bocconi killer e spunta il garage degli orrori

Dentro i carabinieri hanno trovato l'inferno: cadaveri di gatto scuoiati e messi sotto formalina, teste mozzate e conservate nei barattoli, libricini con le istruzioni per costruirsi delle maschere con la pelle degli animali

Come un film horror. Ma questo è reale. Un garage trasformato in un laboratorio degli orrori. Cadaveri di gatto scuoiati e messi sotto formalina disseminati nella stanza, teste mozzate e conservate nei barattoli. E libricini con le istruzioni per costruirsi delle maschere con la pelle degli animali scuoiati. Un racconto da brividi, riportato da Il Messaggero nelle pagine dell’Umbria.

I carabinieri, una volta aperto quella porta, si sono trovati davanti l’orrore. I militari, secondo quanto riportato dal quotidiano, stavano indagando dalla scorsa primavera, quando fu rinvenuto un gatto scuoiato appeso a un albero fuori dalla scuola di San Sisto. Le indagini, coordinate dal pm Manuela Comodi, arrivano a una svolta quando gli uomini dell’Arma individuano un garage. E la denuncia che il legittimo proprietario aveva sporto per occupazione abusiva. Da qui l’appostamento: i militari piazzano le telecamere e riprendono un giovane che entra ed esce “con fare sospetto”.

A quel punto entrano. Dentro c’è di tutto. Animali seviziati e torturati con coltelli, uncini, forbici e un paio di guanti con lunghissimi artigli. Una scena da brividi. La procura ha chiuso le indagini e il giovane è stato denunciato per uccisione di animali e occupazione abusiva.

Oltre a questo cresce anche l'allarme per i bocconi killer. Pezzetti di pollo avvelenati lasciati in strada per uccidere. Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una nostra lettrice: "“Mi rivolgo a tutti i lettori e alle autorità di Perugia per aiutarci a scoprire il colpevole che si diverte a mettere i bocconcini di pollo avvelenati in via Maturanzio e nel parchetto. Chiedo come cittadina di fare mettere delle videocamere nei pressi della zona, già malfrequentata, per potere girare tranquillamente di sera con il cane, senza dovere togliere dalla sua bocca i bocconi di pollo avvelenati. Aiutateci, amici degli animali, a condannare questa persona pericolosissima e malvagia. Un cane del quartiere è già morto!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Ricerche sul monte Serrasanta a Gualdo Tadino, trovato il corpo del 40nne

  • Il Comune di Perugia assume personale, il bando e la scadenza

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento