menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La storia di Yurek, il clochard di Assisi salvato dal vescovo e dalla Caritas

"Yurek non ha famiglia – spiega padre Tondelli– viveva in mezzo alla strada, era ubriaco dalla mattina alla sera. Ad Assisi lo conoscevano tutti soprattutto quelli del pronto soccorso che spesso venivano chiamati dai cittadini che lo vedevano a terra ubriaco e semicosciente"

Un miracolo. E’ quello che ha toccato Yurek un polacco di quasi 60 anni, conosciuto con questo nome che da qualche anno vive ad Assisi. Un clochard che, grazie a una segnalazione a monsignor Domenico Sorrentino e poi un percorso alla Caritas, è rinato a nuova vita e proprio nei giorni scorsi è stato accolto in Curia dal vescovo per un pranzo insieme alla comunità delle suore e al vice direttore della Caritas padre Stefano Tondelli.

Dopo le tre nigeriane monsignor Domenico Sorrentino ha aperto le porte della sua casa a questo uomo conosciuto proprio un anno fa in occasione della celebrazione di inizio anno giubilare. “Yurek non ha famiglia – spiega padre Tondelli– viveva in mezzo alla strada, era ubriaco dalla mattina alla sera. Ad Assisi lo conoscevano tutti soprattutto quelli del pronto soccorso che spesso venivano chiamati dai cittadini che lo vedevano a terra ubriaco e semicosciente”.

“La sera dell’apertura dell’anno della misericordia era molto freddo – spiega il vescovo Sorrentino – e rientrando a casa da San Rufino una religiosa mi ha portato a vedere dove viveva Yurek. Era a terra ubriaco che rischiava di morire assiderato. Nonostante fosse una situazione molto difficile non ho voluto rassegnarmi a lasciarlo al freddo ed anche se Yurek all’inizio non voleva sono poi riuscito a trasportarlo in Vescovado al caldo. Da lì l’ho inviato al Centro di Prima accoglienza della Caritas”.

“I primi tempi sono stati difficili – racconta ancora padre Stefano – Yurek continuava a bere e il suo fisico a debilitarsi. Se si provava a togliergli il vino lui scappava. Dopo molteplici ricoveri e gravi problemi di salute un giorno Yurek viene dimesso dall’ospedale. C’era stato più di un mese assistito dagli infermieri e dai volontari della Caritas. Al rientro temevamo che ricominciasse a bere e invece. Il miracolo! Non solo da quel giorno non ha più toccato vino ma ogni giorno si alza presto e comincia a pulire e spazzare il giardino con una precisione assoluta. Prima trascurava totalmente l’igiene personale, ora si cura e la sua camera è sempre pulita e ordinata. Ha anche messo due sedie e un tavolino per accogliere le persone che vanno a trovarlo. Tutti quelli che lo vedono ora e che lo conoscevano anche prima non credono ai loro occhi”. “Questo è un miracolo dell’anno della Misericordia – sottolinea felice monsignor Sorrentino – e dobbiamo dire grazie a Dio per questa vita salvata”.


“Guardandolo ogni giorno – continua padre Tondelli - ci stupiamo sempre del radicale cambiamento. Un miracolo dell’amore. Probabilmente sentirsi amato, aver trovato un letto in cui dormire, gli ha ridato motivo per vivere, prendersi cura di sé ed uscire dalla disperazione che l’aveva forse spinto ad affogare le preoccupazioni nell’alcool. Non è stato facile: all’ospedale e alla Caritas sono stati davvero molto pazienti ed hanno accettato tanti rischi. Anche il vescovo – ha concluso padre Tondelli - ha insistito tanto e questa volta il Signore ci ha dato la gioia di vedere un piccolo-grande frutto della speranza dell’amore”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento