Cronaca

Spia il telefono della ex e le mette delle "cimici" in casa: condannato

Dopo la rottura della relazione l'uomo ha continuato a molestare e perseguitare la ex compagna

Un anno e quattro mesi per aver spiato la ex attraverso la tecnologia, impiantando in casa di lei delle ricetrasmittenti nascoste nelle prese della corrente e controllando da remoto il cellulare, in modo da intercettare tutte le comunicazioni e i messaggi.

L’uomo, un 34enne di Perugia è stato condannato anche per maltrattamenti in famiglia avvenuti nel periodo della convivenza e a risarcire la ex con una provvisionale di 10mila euro. La ex convivente si era costituita parte civile.

Sulla base delle denunce e delle indagini, l’uomo avrebbe messo in atto violenze fisiche e psicologiche nel corso del tempo e a causa di una “gelosia ossessiva” avrebbe continuato a molestare e controllare la donna anche dopo al fine del rapporto. Fino a controllare ogni momento della sua vita, anche nella sua abitazione, spiando cosa diceva al figlio oppure ai parenti, le telefonate alle amiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spia il telefono della ex e le mette delle "cimici" in casa: condannato

PerugiaToday è in caricamento