menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si invaghisce dell'amica al punto di perseguitarla: stalker donna finisce ancora davanti al giudice

L'ultimo episodio denunciato dalla vittima, risale a qualche mese fa. L'imputata è accusata di stalking nei confronti dell'amica

L'amicizia che si trasforma in una ossessione, al punto di arrivare a pedinare, controllore, appostarsi sotto casa. E' quanto imputato a una donna di 42 anni residente nell'Altotevere, finita nuovamente dinanzi al giudice per le indagini preliminari, Piercarlo Frabotta, che l'ha rinviata a giudizio con l'accusa di stalking nei confronti di un'amica della quale si sarebbe invaghita. Già nel 2014-15 l'imputata - difesa dall'avvocato Luca Gentili - era finita alla sbarra, ma il processo si era chiuso con un patteggiamento. Poi, da marzo a dicembre 2015, avrebbe continuato a perseguitare l'amica, finendo nuovamente a processo e raggiunta da una misura cautelare del divieto di avvicinamento emessa dal Gip.

Nonostante questo, avrebbe intensificato e reiterato le condotte persecutorie, appostandosi sotto casa o nei pressi del luogo di lavoro da lei frequentato, pedinandola nei suoi spostamenti anche quando accompagnava il figlio o andava in caserma per chiedere aiuto alle forze dell'ordine. Nel corso di un filone di processo a suo carico, è emerso dalla perizia psichiatrica come l’imputata fosse affetta da una semi-infermità dovuta a un disturbo delirante erotomaniaco.

 In base alla ricostruzione accusatoria formulata dalla procura, con i suoi comportamenti avrebbe ingenerato nella donna e nella sua famiglia uno stato di ansia e di paura, tale da costringerla ad alterare le proprie abitudini di vita. con l'aggravante - scrive il pm - "di aver commesso il fatto anche in danno di un minore". L'ultimo episodio denunciato dalla vittima risale a pochi mesi fa: qui, sentendosi ancora nel mirino della presunta stalker - che l'avrebbe vista aggirarsi con l'auto nei pressi della sua abitazione - avvertì subito le forze dell'ordine. La donna in questo caso fu rimessa subito in libertà e l'arresto non fu convalidato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Motori

Nuova Jeep Compass ora anche a Perugia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento