rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Installa un sistema gps sull'auto della ex per controllarla: condannato

L'imputato era accusato di stalking nei confronti della donna e della figlia

Diciotto mesi per aver installato un sistema Gps sotto l’automobile della ex per controllare ovunque andasse. L’installazione del sistema di rilevazione satellitare era stato solo uno dei tanti atti di persecuzione che hanno portato un 55enne, in forza all’Arma dei Carabinieri, davanti al giudice per stalking.

L’imputato, difeso dall’avvocato Alessandro Vesi, era accusato di avere “abusivamente applicato” il rilevatore Gps sulla macchina dell’ex compagna, tra l’estate del 2020 e l’anno successivo, ma anche di avere inviato decine di messaggi tramite Whatsapp alla donna e alla figlia di questa per tentare di riprendere la relazione.

Non riuscendovi avrebbe incaricato delle amicizie in comune per “convincerla a riprendere contatti con lui”.

Denunciati anche messaggi e commenti sui social dove, pur senza nominare mai la donna, la si sarebbe fatta oggetto di insulti e minacce.

La donna si è costituita parte civile con l’avvocato Paola Pasinato e le è stata concessa una provvisionale di 8mila euro. La notizia è riportata dai quotidiani locali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Installa un sistema gps sull'auto della ex per controllarla: condannato

PerugiaToday è in caricamento