menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perde la testa per la barista e la perseguita, schiaffi, sputi e pedinamenti: 38enne alla sbarra

L'imputato dovrà rispondere di stalking e lesioni personali. La donna per mesi avrebbe subito il comportamento molesto e ossessivo di un cliente invaghito di lei

Non riusciva a non pensarla, a non guardarla, a non chiederle di uscire con lui, ma lei - di quel cliente invadente e fuori luogo - proprio non ne voleva sapere, fino agli schiaffi e alle molestie. E' quanto accaduto qualche anno fa in un bar della provincia di Perugia: sfortunata protagonista di questa vicenda una dipendente che ogni giorno, per mesi, ha dovuto fare i conti con l'insistenza prima e le persecuzioni dopo, di un ragazzo marocchino residente nel suo stesso paese .

Dopo la denuncia presentata dalla vittima ai carabinieri, per il presunto stalker si è aperto un procedimento penale dopo il decreto a giudizio disposto dal giudice per le indagini preliminari Alberto Avenoso e l'uomo è finito a processo per stalking. Domani la prima udienza dibattimentale al tribunale di Perugia; nel corso degli anni all'imputato non è stato rinnovato il permesso di soggiorno ed è stato costretto a tornare nel suo paese d'origine. 

Secondo quanto denunciato dalla donna, l'uomo non avrebbe perso l'occasione per molestarla, aspettandola anche fuori dal lavoro, guardandola con insistenza, importunandola al punto da colpirla alla testa con un violento schiaffo e cagionandole - si legge nel capo d'imputazione - lesioni personali giudicate guaribili in un paio di giorni. Un comportamento ossessivo e petulante sfociato anche in azioni violente. In un'occasione, mentre la donna stava pulendo il pavimento del locale, l'uomo le si sarebbe avvicinato afferrandola per un polso, stringendola con forza per cercare di farla avvicinare a lui e toccandole in fondoschiena.

All'intervento di un avventore del bar in difesa della donna, il marocchino avrebbe colpito l'uomo afferrandolo per il collo, procurandogli lesioni refertate poi al pronto soccorso di Marsciano.Durante la colluttazione tra i due, avrebbe anche sputato alla donna ripetutamente, pronunciando nei suoi confronti parole offensive. Allertati i carabinieri anche quando l'uomo non voleva andarsene dal bar, ora dovrà rispondere di stalking e lesioni personali. La difesa è rappresentata dall'avvocato Flavio Mennella del foro di Perugia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento