menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Enormi quantità di cibo sprecato nelle scuole di Perugia": interrogazione al sindaco Romizi

Spreco di cibo nelle mense delle scuole di Perugia, scatta l’interrogazione urgente al sindaco Romizi firmata dai consiglieri comunali del Pd

Spreco di cibo nelle mense delle scuole di Perugia, scatta l’interrogazione urgente al sindaco Romizi firmata dai consiglieri comunali del Pd Sarah Bistocchi e Tommaso Bori. Il problema è tutto quello che finisce dritto nel secchio dei rifiuti. Spiegano i due democratici: “Lo spreco alimentare rappresenta oggi, a livello mondiale, uno dei temi più importanti della politica che coinvolge non solo la sfera etica, ma anche quella economica ed ambientale. L’Italia, a un anno dall’approvazione della legge sulla Donazione e la distruzione dei prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi, ha fatto grandi passi avanti e rivoluzionato la visione del cibo, dandogli il valore complessivo che questo rappresenta e non solo pensandolo in termini di “gusto””. 

Ora siamo una regione più civile: i cibi e i farmaci in scadenza saranno donati ai poveri. Sconto sulle tasse a chi dona

E ancora: “Lo spreco alimentare e l’esigenza di combatterlo è rientrato così tra le priorità dell’agenda politica dei governi e delle amministrazioni, che per primi dovrebbero avvertire la necessità di fronteggiarlo, a cominciare dai luoghi di formazione e di educazione delle persone, cioè in primis dalle mense scolastiche, che insieme a quello domestico, vede le più alte percentuali di spreco alimentare”.

E poi c’è l’approvazione della legge umbra, che finalmente ci ha reso una regione civile: “Il bisogno di arginare tale fenomeno ha portato a legiferare anche la Regione Umbria, che la scorsa settimana ha approvato una proposta di legge di Promozione delle attività di donazione e distribuzione a fini di solidarietà sociale di prodotti alimentari, non alimentari e farmaceutici. La stessa sensibilità non sembra purtroppo emergere dalle mense scolastiche del Comune di Perugia. L’assessore Waguè infatti, con la grave decisione di esternalizzare gli acquisti delle mense scolastiche, ha prodotto un forte peggioramento della qualità del cibo, senza che a questo sia corrisposto alcun tipo di risparmio economico effettivo, facendo fare un balzo all’indietro al sistema di refezione scolastica, da sempre fiore all’occhiello dei servizi al cittadino offerti dal Comune di Perugia”. A questa interrogazione, promette il duo democratico, “che denuncia il grave spreco che quotidianamente si consuma all’interno delle mense scolastiche comunali, seguiranno a breve concrete proposte affinché il Comune di Perugia si allinei alla normativa vigente sul recupero del cibo ancora consumabile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento