Rapine in villa, catturato il leader della banda: sequestro di persona e assalto armato

Dopo due anni di ricerche alla fine è stato catturato l'ultimo a piede libero della banda degli albanesi specializzata in rapine in ville in Umbria ma anche in Piemonte

Dopo due anni di richerche alla fine è stato catturato l'ultimo a piede libero della banda degli albanesi specializzata in rapine in ville in Umbria ma anche in Piemonte.  Si tratta di Gjini Andrea, ventenne albanese, ricercato per concorso in rapina a mano armata pluriaggravata e sequestro di persona dopo il raid avvenuto nel 2014 in una villetta nello spoletino. L'uomo è stato intercettato dalla Squadra Mobile in Germania ed ora si trova rinchiuso nel carcere di Rebibbia a Roma. 

LA RAPINA - La sera del 15 aprile 2014 la vittima era uscita da casa e si trovava nel giardino della propria abitazione, intenta a controllare il funzionamento dell’impianto d’illuminazione, quando all’improvviso, senza poter fuggire od opporre una qualche resistenza, è stata afferrata ed immobilizzata a forza da un individuo mascherato sbucato dall’oscurità. Mentre la donna veniva trattenuta, altri due soggetti si introducevano all'interno dell'abitazione, dopo di che anche lei è stata trascinata dentro casa e brutalmente spinta su un divano, immobilizzata senza riguardi dai malviventi con del nastro adesivo da pacchi stretto sia ai polsi che alle caviglie.

I tre banditi hanno iniziato a minacciare l’anziana donna (ultrasessantacinquenne) con un coltello, per farsi indicare il luogo dove fosse custodita la cassaforte. La donna veniva costretta, dopo ripetute minacce, a rivelare un primo nascondiglio che si trovava al piano superiore che però non veniva immediatamente individuato dai malviventi nonostante le indicazioni strappate a forza; la 65enne è stata costretta quindi a raggiungere ed indicarlo personalmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta individuata, il capo della banda, con una grossa mazza da carpentiere, è riuscita ad aprirla prelevavano, oltre a preziosi e contanti, anche una pistola regolarmente detenuta dal marito. Infine, trascorse circa un paio d’ore dall'inizio della rapina, la donna è stata chiusa nel bagno dopo di che i tre malviventi si sono dati alla fuga abbandonando la villetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento