Il pozzo del mistero continua a sorprendere: continua a sgorgare (solo lì) acqua calda

La Protezione civile del Comune di Spoleto continua a coordinare un'equipe di esperti (membri dell'Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia, il dipartimento di Fisica e Geologia dell'Unipg e l'Arpa Umbria) impegnati nell'attività di monitoraggio

Continua ad essere una sorta di "brodo" l'acqua che scorre nel pozzo dei misteri a Spoleto. Certo la temperatura è scesa rispetto alla prima sorprendente rilevazione (50 gradi) ma si attesta sempre intorno ai 30 gradi. Una temperatura altissima rispetto a tutti gli altri pozzi domestici dell'aria di San Martino in Trignano. 

La Protezione civile del Comune di Spoleto continua a coordinare un'equipe di esperti (membri dell'Istituto Nazionale di geofisica e vulcanologia, il dipartimento di Fisica e Geologia dell'Università di Perugia e l'Arpa Umbria) che da giorni sono impegnati nell'attività di monitoraggio della situazione.

Questa mattina è stato istallato all'interno del pozzo un "data logger" per monitorare costantemente la temperatura. Per avere un monitoraggio piu' preciso dell'area effettivamente coinvolta sono in programma altre misurazioni delle temperatura in altri pozzi nelle aree vicine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

Torna su
PerugiaToday è in caricamento