"Spese pazze" in Regione, battaglia in aula sulla prescrizione tra accusa e difesa

I giudici contabili si sono riservati sulla decisione per la mancata o errata rendicontazione dei rimborsi e delle spese di alcuni consiglieri regionali nel 2011

Rimborsi gonfiati per trasferte e pasti, contratti di collaborazione anomali. Sono questi gli addebiti mossi dalla Procura contabile dell’Umbria ad alcuni consiglieri regionali dell’allora Popolo della Libertà e del Pd per un ammontare di circa 200mila euro (cene elettorali, trasferte, telefonate e attività istituzionale generica).

Accuse che sono state ribadite oggi davanti ai giudici contabili e che le difese, gli avvocati Modena, Falcinelli, Ghirga, Festa, Caforio, Lipparini e Rosi, hanno cercato di smontare puntando sulla prescrizione delle contestazioni e sulla riqualificazione della mancata rendicontazione più che di spese pazze.

Di fatto si tratta di contestazioni che hanno portato al rinvio a giudizio, in sede penale, di un consistente gruppo di consiglieri regionali, mentre per altri l’udienza preliminare si deve ancora celebrare.

I rendiconti nel mirino della Corte di conti sarebbero risalenti al 2011 e per questo, secondo le difese, l’azione sarebbe stata intrapresa oltre tempo massimo (ci sono dei precedenti in tal senso anche in Umbria, il consigliere Zaffini è stato assolto, difeso dall’avvocato Antonio D’Acunto, anche se è pendente l’appello della Procura). Il termine della prescrizione è di cinque anni, i fatti contestati avvenuti nel 2011 e, anche spostando al 2013 la rendicontazione, gli inviti a dedurre sono stati inviati nel 2018, cioè ben oltre i termini. In alcuni casi, inoltre, il bilancio del gruppo politico non sarebbe stato intaccato, negativamente, da queste spese, tanto da chiudere con un attivo alla fine dell’anno.

Sulla base di questi elementi i giudici contabili si sono riservati la decisione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Compariranno davanti al giudice in sede penale, invece, i consiglieri Nevi, De Sio, Valentino, Monni, Rosi, Mantovani e Lignani Marchesani. Nel Pd il consigliere Smacchi ha chiesto il giudizio abbreviato, condizionato all’audizione di un teste, mentre Locchi e Bottini si sono visti fissare l’udienza preliminare ad ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 28 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento