menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sparatoria a Ponte Valleceppi: donati gli organi dell'aggressore, torna a vivere un umbro 57enne

La donazione degli organi di Riccardo Bazzurri ha permesso a 7 persone di tornare a sperare e a vivere dignitosamente dopo anni di sofferenze. Tra questi anche un umbro che è stato operato l'8 luglio a Perugia

L'espianto di organi dall'autore della sparatoria di Ponte Valleceppi, Riccardo Bazzurri, ha permesso di salvare diverse vite tra cui quella di un 57enne umbro che era costretto da tempo a vivere grazie ad una dialisi costante che ne aveva cambiato stile e qualità della vita. Il paziente è stato chiamato ieri notte dall'ospedale di Perugia per un ricovero immediato che ha preceduto il trapianto di rene che si è concluso nella tarda mattina dell'8 luglio. 

La procedura di compatibilità dell’organo era stata individuata ieri dal Direttore della Struttura di Nefrologia Dottor Emidio Nunzi. Questa mattina il  trapianto di rene è stato effettuato da una equipe di chirurgi ed anestesisti, composta dai Dottori Paolo Baccari, Massimo Lenti  e Francesco De Santis.

La responsabile  del Centro Regionale Trapianti Dott.ssa Tiziana Garzilli, come riferisce  una nota dell’Ufficio Stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia,  ha costantemente tenuto informati i familiari di Bazzurri, i cui organi sono stati prelevati da sei diversi centri italiani, con interventi chirurgici eseguiti durante la notte  scorsa.

Da tanto male fatto dall'aggressore - la compagna è in fin di vita come il figlio di 2 anni - qualcosa di buono sta emergendo anche se è impossibile in questo momento poter gioire per le 7 persone che ricevendo gli organi hanno cominciato una nuova vita dopo un percorso di grande sofferenza andata avanti per anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento