rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Droga nascosta nei boschi e spacciata in tutta l'Umbria: condannata la banda

I proventi investiti nell'acquisto di alberghi e resort sulle coste albanesi. Assistenza legale e soldi per le spese per chi veniva arrestato e "premio fedeltà" in denaro. Per chi perdeva il carico la minaccia del taglio delle orecchie

Condanne fino a 10 anni di carcere, 150 chili di stupefacenti spacciati nel corso del tempo, 11 quelli sequestrati dalla Polizia e confisca di 280mila euro. È la conclusione, in tribunale, dell’operazione della squadra mobile di Perugia, diretta da Gianluca Bogliano, che ha dicembre del 2022 portato a individuare 15 componenti, prevalentemente albanesi, di un presunto sodalizio che era in grado di immettere sul mercato 20 chili di cocaina al mese.

I poliziotti avevano seguiti gli appartenenti al gruppo nelle campagne di Spoleto, per accertare le operazioni illecite che si svolgevano nei boschi, dove avevano nascosto la droga, prelevarla e poi ripartire. Seguendo le tracce lasciate nella vegetazione avevano individuato dove la terra era appena stata scavata per nascondere la droga, stupefacente che era stato rimosso e la buca ricoperta. Scoperti gli ammanchi di droga, si legge nelle intercettazioni, gli affiliati al gruppo, parlando tra di loro ipotizzavano che a rubare il carico fosse stato “il diavolo”.

L’organizzazione, secondo l’accusa, era strutturata in modo verticistico con gerarchie e ruoli ben precisi, dall’approvvigionamento della droga attraverso canali internazionali alla vendita al dettaglio nelle tante piazze di spaccio controllate: Foligno e Spoleto, poi Terni e Perugia, Cattolica, Macerata. Nel mezzo, chi si sarebbe occupato del confezionamento. A chi si sarebbe occupato della vendita al dettaglio, secondo gli investigatori, la droga sarebbe arrivata già in dosi, in buste chiuse con il numero degli involucri contenuti. Controlli e contabilità ferrea e chi perdeva il carico doveva pagare, altrimenti “ti taglio le orecchie”.

Secondo la Procura di Perugia il gruppo, sorvegliato tramite “molteplici servizi sul territorio, con appostamenti e pedinamenti, ma anche con attività di tipo tecnico quali monitoraggi con Gps, telecamere di sorveglianza e con intercettazioni telefoniche ed ambientali dei veicoli utilizzati dagli indagati”. Nel corso dell’indagine erano state arrestate in flagranza 22 persone, sequestrati circa 9 chilogrammi di cocaina, 2 di eroina, 2 pistole con 139 proiettili, 4 autovetture e circa 13 mila euro in contanti.

L’organizzazione, per l’accusa “poteva contare su considerevoli risorse economiche e collaboratori esterni, provvedeva anche alla logistica; con base operativa nei territori di Foligno e Spoleto forniva a tutti i componenti – oltre che droga già confezionata e pronta per la vendita – anche telefoni cellulari, auto fittiziamente intestate a terze persone, nonché abitazioni”. Corrieri e spacciatori cambiavano spesso, in modo da non essere identificati e in caso di arresto, l’organizzazione provvedeva a fornire loro assistenza legale e, una volta usciti dal carcere, denaro per far fronte alle spese e come ricompensa per la fedeltà.

I proventi illeciti, stimati in diversi milioni di euro, sarebbero stati reinvestiti, oltre che in attività commerciali in Umbria, anche in Albania e in particolare in attività ricettive site nelle località balneari più rinomate.

Sette degli arrestati sono stati condannati a pene che variano da 4 anni e 8 mesi fino a 10 anni (per i due ritenuti gli organizzatori e i capi del gruppo criminale) con il rito abbreviato, mentre gli altri otto imputati hanno scelto il rito ordinario davanti al Collegio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga nascosta nei boschi e spacciata in tutta l'Umbria: condannata la banda

PerugiaToday è in caricamento