Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Stanco di aspettare il suo turno si scaglia contro il vetro del Pronto soccorso e lo manda in frantumi: a processo

L'uomo è accusato di danneggiamento aggravato dei beni pubblici

Spacca il vetro della porta del Pronto soccorso di Perugia perché stanco di aspettare e finisce sotto processo per danneggiamento aggravato.

L’imputato, un italiano di 41 anni difeso dall’avvocato Silvia Terradura, è accusato di avere danneggiato una struttura del Santa Maria della Misericordia. Secondo la Procura di Perugia l’uomo, trovandosi all’interno del Pronto soccorso dell’ospedale perugino, si sarebbe scagliato “contro la porta antisfondamento che si trova tra la sala d’attesa e il Triage (il sistema di classificazione per la gravità dei casi che arrivano al Pronto soccorso, utilizzando un “semaforo” di colori bianco, verde, giallo e rosso, ndr)” mandando in frantumi il vetro “danneggiandolo e rendendolo inservibile”.

L’episodio è avvenuto il 5 marzo del 2023. L’accusa contesta all’uomo, che era stanco di aspettare il suo turno che non arrivava mai vista la classificazione bassa del suo caso, anche la recidiva. L’Azienda ospedaliera di Perugia e il direttore del Pronto soccorso sono risultati parti offese nel procedimento che, però è stato rinviato in quanto l’imputato è irreperibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stanco di aspettare il suo turno si scaglia contro il vetro del Pronto soccorso e lo manda in frantumi: a processo
PerugiaToday è in caricamento