menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di soffocare con un cuscino l'amica della sorella, fermato dalla nipotina

L'uomo è finito sotto processo per tentato omicidio. L'aggressione durante la festa di compleanno della bambina

Tenta di soffocare l’amica con un cuscino, ma viene fermato dalla nipotina entrata nella stanza all’improvviso.

Con questa accusa un uomo, rumeno difeso dall’avvocato Patrizia Conti, è finito davanti al collegio giudicante del Tribunale di Perugia. Secondo la denuncia della donna, una connazionale, amica della sorella dell’imputato, l’episodio sarebbe avvenuto nel corso di una festa di compleanno di una bimba, cioè la nipotina dell’uomo sotto processo.

L’imputato era andato alla festa di compleanno a casa della sorella. Alla festa c’era anche la parte offesa, amica della donna. Dalle fotografie estrapolate dal telefono dell’uomo dal Ris di Roma, i due sembravano legare molto, chiacchierando e ballando insieme, ma anche bevendo.

Poi i due, poco dopo che la padrona di casa si era dovuta allontanare, sarebbero finiti in camera da letto. E lì sarebbe avvenuta l’aggressione da parte dell’uomo che le sarebbe saltato addossi “mentre era sul letto, premendole con violenza un cuscino sul volto e in tal modo impedendole di respirare, compiva atti idonei diretti in modo non equivoco a cagionare la morte” della donna “non riuscendo nell’intento per cause indipendenti dalla sua volontà”, cioè grazie all’ingresso in camera della nipotina che chiedeva cosa stesse facendo.

Imputato e parte offesa sono irreperibili, tornati in patria e mai comparsi davanti ai giudici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento