menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un umbro d'adozione, una barca a vela, due fratelli spagnoli e 700 chili di coca

Viveva da molti anni a San Giustino ma era di origine campana. Lo hanno fermato in Spagna su una barca a vela carica zeppa di panetti di cocaina. La scoperta della squadra Mobile che si è alleata con gli investigatori iberici

Una barca, un umbro d’adozione, due spagnoli e 700 chili di cocaina purissima: sono questi i quattro ingredienti resi noti dalla Squadra Mobile di Napoli nel maxi blitz in Spagna che ha portato al sequestro di una barca a vela che aveva a bordo ben 115milioni di euro in coca.  In manette è finito anche  lo skipper, Bartolo Di Massa, quarantaseienne, incensurato, originario di Castellammare di Stabia, ma residente da molti a San Giustino.  Insieme a lui in carcere sono finiti i fratelli Andres e Francisco Lopez, di 66 e 68 anni.

Le indagini, in corso già da mesi: nel febbraio scorso, 'Scugnizza'  era attraccata nella zona di Mergellina, da dove è partita alla volta del Sud America, raggiungendo la costa venezuelana. E da Napoli è stata avviata l'articolata fase di monitoraggio che è durato circa 5 mesi: fino a ieri, quando la barca è entrata nel porto di Aguillas, nella regione di Murcia.

Il lavoro investigativo è ancora in corso per chiarire la rotta e la destinazione finale. Probabilmente, la droga era destinata alle piazze di spaccio napoletane oltre che a quelle attive su gran parte del territorio nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento