Piccoli passi tecnologici, arriva il nuovo sito della Regione Umbria

L’obiettivo è di mettere a disposizione della collettività, di imprese e associazioni le opportunità offerte dalla libera consultazione e riuso dell’intero patrimonio informativo regionale

“Pubblicare ‘opendata’ significa consentire ai cittadini l’accesso in modo semplice ai dati gestiti dalle pubbliche amministrazioni, per consultarli, divulgarli, analizzarli e riusarli”: lo ha detto stamani l’assessore regionale all’innovazione e ai sistemi informativi, Fabio Paparelli,  illustrando i contenuti e le finalità del nuovo portale della Regione Umbria (dati.umbria.it) dedicato agli “open data”. Presenti fra gli altri anche la coordinatrice dell’area innovazione tecnologica della Regione Umbria, Annalisa Doria, ed una delegazione degli studenti dell’Istituto “Volta” di Perugia che, proprio partendo dagli “opendata” della Regione, hanno realizzato una App per dispositivi android.

Sono attualmente una ottantina i “dataset” presenti nel portale regionale, articolati in macroaree relative al  turismo, agricoltura, amministrazione trasparente, ambiente, territorio, cultura, lavoro e istruzione.

“Per la Regione il portale costituisce l’attuazione di uno degli snodi fondamentali dell’Agenda digitale dell’Umbria, a conclusione di un percorso avviato nel 2013 per la raccolta dei dati e per l’inserimento nella nuova piattaforma.  Si tratta – ha detto l’assessore - di un nucleo iniziale di informazioni destinato a crescere nei prossimi mesi grazie all’immissione di ulteriori dati provenienti da altri servizi regionali ed enti territoriali”.

L’obiettivo è di mettere a disposizione della collettività, di imprese e associazioni le opportunità offerte dalla libera consultazione e riuso dell’intero patrimonio informativo regionale. “E’ un processo dinamico ed in evoluzione, che avrà  raggiunto il suo scopo – ha sottolineato Paparelli – se gli ‘opendata’ che abbiamo messo a disposizione potranno concorre a sostenere nuove attività imprenditoriali e a promuovere l’innovazione,  migliorare i servizi e la qualità della vita sui territori, ma anche dare conto del lavoro delle amministrazioni pubbliche, sempre più aperte all’esterno e trasparenti, così da agevolare la partecipazione dei cittadini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La  piattaforma ha l’ambizione  di candidarsi come unico contenitore per la pubblicazione dei “data set” di altri enti del territorio, una sola interfaccia, facilmente fruibile dai cittadini e a supporto delle amministrazioni umbre, soprattutto di quelle  che, per dimensioni, avrebbero difficoltà ad affrontare autonomamente il processo di apertura dati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento