I sindaci del Trasimeno in rivolta: consegnato alla Regione un dossier su strade e sicurezza: "servono nuovi collegamenti"

Sul tavolo della Marini le richieste emerse in sede di Consiglio dell'Unione dei Comuni del Trasimeno dopo l’approvazione del documento presentato dal presidente uscente Fausto Scricciolo, sindaco di Città della Pieve, al collega Giacomo Chiodini

Velocizzare i cantieri sulla Pievaiola progettando una ipotesi di prosecuzione dell’arteria strategica fino a Chiusi, intervenire sulla sicurezza e viabilità della SR999 e sbloccare la variante della E71 a Castiglione del Lago. Sono queste le richieste emerse in sede di Consiglio dell'Unione dei Comuni del Trasimeno con l’approvazione del documento presentato dal presidente uscente Fausto Scricciolo, sindaco di Città della Pieve, al collega Giacomo Chiodini, sindaco di Magione ora alla guida dell’Unione.  

“Gran parte del Territorio del Trasimeno – è scritto nel documento -  risulta ancora oggi servito da collegamenti secondari e nonostante siano stati richiesti interventi per consentire collegamenti veloci di Perugia verso sud pensando ai nodi ferroviari ed autostradali di Chiusi, non si è mai riusciti a programmare realmente tali opere”. Il documento spiega che il Piano Regionale dei Trasporti della Regione Umbria 2014/2024 non prevede interventi particolarmente significativi per la viabilità dell’Area del Trasimeno. I sindaci chiedono interventi capaci di fornire soluzione alla marginalità di un’area che, per sviluppare per intero il potenziale di richiamo turistico, non può fare a meno di infrastrutture strategiche. 

Sulla Pievaiola si è ricordato come l’accordo di programma avesse previsto l’utilizzo delle economie degli interventi sul tratto Fontignano-Perugia per la sistemazione del restante tratto. Qui occorre procedere con l’immediato utilizzo di tali risorse, senza attendere il completamento di tutti i lavori, per sistemare il tratto verso Città della Pieve. Tali interventi sono improcrastinabili per migliorare la stessa accessibilità ai servizi sanitari del capoluogo di regione per tutti quei cittadini rimasti fortemente penalizzati dalla chiusura dell’ospedale pievese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Entro il 2018 - hanno denunciatoi sindaci - doveva realizzarsi la variante sulla SR 71 di Castiglione del Lago ma sicuramente non vedrà nemmeno l’avviarsi dei lavori. Sarebbero essenziali il prolungamento del tratto di strada a lunga percorrenza della S.S. 220 Pievaiola verso Chiusi e un intervento di miglioramento del collegamento Magione - Chiusi andrebbe fatto sulla S.S. 599 sempre fino all’incrocio con la S.R.71. In tal modo l’intera area del Trasimeno sarebbe servita e collegata da un sistema viario scorrevole e funzionale, in grado di accorciare i tempi di percorrenza e la sicurezza stradale da Perugia verso Chiusi sia passando per Tavernelle che per Magione".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento